L’impegno dei Farmacisti Volontari in favore della popolazione dell’Ucraina comincia a dare i suoi frutti. A spiegare i dettagli è Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini farmacisti italiani (Fofi), il quale ha fatto sapere che «cresce la mobilitazione dei farmacisti italiani che, con profondo senso di solidarietà e responsabilità verso la professione e il loro ruolo sociale, da venerdì 4 marzo 2022 sono impegnati senza sosta per far giungere farmaci e presidi di prima necessità alla popolazione ucraina colpita dal conflitto. Grazie all’incessante lavoro dei Farmacisti Volontari, impegnati nelle operazioni di stoccaggio e imballaggio dei medicinali presso l’interporto di Avezzano, un primo carico di farmaci e presidi medico-chirurgici è già partito e altri tir partiranno con destinazione Ucraina».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

I ringraziamento ai Farmacisti Volontari

Mandelli ringrazia «a nome di tutta la professione la presidente dell’Associazione nazionale Farmacisti Volontari per la Protezione Civile, Enrica Bianchi, e tutti i volontari, per lo sforzo e l’impegno profusi nel dare una risposta concreta ai bisogni di assistenza dei cittadini ucraini costretti in condizioni di estrema precarietà sociale e sanitaria. Invito colleghi e cittadini a prendere parte allo straordinario slancio di solidarietà messo in campo dai farmacisti, sostenendo la raccolta fondi fortemente voluta dalla FOFI e dall’Associazione Farmacisti Volontari per contribuire fattivamente alle urgenti necessità sanitarie del popolo ucraino».

L’appello della Fofi per donare medicinali all’Ucraina

La Fofi aveva lanciato un appello in cui invitava tutti a donare medicinali e dispositivi medici a supporto della popolazione Ucraina. Diverse le sigle che avevano aderito all’iniziativa promossa dalla federazione: Adf, Assofarm, Assoram, Banco Farmaceutico, Confindustria Dispositivi Medici, Egualia, Farmacie Unite, Farmindustria, Federchimica Assosalute, Federfarma, Federfarma Servizi, Fnpi e Unaftisp. Per Andrea Mandelli si tratta di «un gesto di pace, come tutti i segni di solidarietà. Un’idea alla quale hanno immediatamente aderito tutti i protagonisti del mondo della farmaceutica e dei dispositivi medici, che ringrazio personalmente e a nome dei farmacisti italiani».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.