Coloro che «dall’anno 2017 hanno svolto l’attività di farmacista in regime libero-professionale oppure con contratto di collaborazione coordinata e continuativa o, ancora, con borsa di studio» e che «alla data di presentazione della domanda abbiano interamente versato la contribuzione Enpaf in misura intera per gli anni 2017, 2018 e 2019 e che non abbiano una morosità pregressa pari o superiore ad 1/4 del contributo previdenziale dovuto per ciascun anno», potranno concorrere all’assegnazione di un contributo una tantum per liberi professionisti, relativo all’anno 2019. A darne notizia è lo stesso Ente nazionale di previdenza e assistenza farmacisti (Enpaf), il quale spiega che tale possibilità è conseguente all’approvazione, da parte del Consiglio di amministrazione, il 20 giugno 2019, della delibera n. 29 con il regolamento per l’assegnazione del contributo una tantum per i farmacisti liberi professionisti e figure assimilate.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

I farmacisti interessati potranno dunque partecipare inviando la domanda – disponibile sul portale online il giorno dell’avvio del bando – dal 1 ottobre al 28 novembre 2019, all’Ufficio assistenza dell’Enpaf tramite raccomandata A/R o Pec. Quanto alla valutazione economica, i requisiti consistono in un «valore ISEE non superiore a 40mila euro» ed un «patrimonio mobiliare non superiore a 60mila euro». Inoltre, evidenzia l’ente, «per ciascun componente successivo al secondo, a tale importo si aggiungono ulteriori 10mila euro fino ad un massimo di 80mila euro». L’Enpaf sottolinea inoltre che «nel corrente anno è intervenuta la modifica del periodo di validità dell’ISEE (art.10, D. Lgs. n.147/2017 e successive modificazioni)», pertanto «a decorrere dal 1° settembre 2019, l’attestazione Isee avrà scadenza il 31 agosto dell’anno successivo e comporterà la valutazione dell’ultima dichiarazione dei redditi inviata all’Agenzia delle Entrate». Per questo motivo, «a pena di esclusione, il richiedente deve produrre l’attestazione Isee rilasciata a far data dal 1° settembre 2019».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.