I farmacisti intenzionati a misurare le loro capacità mediante la partecipazione alla fitta attività concorsuale prevista in occasione di FarmacistaPiù hanno ancora pochi giorni per poter trasmettere la loro adesione. Lunedì 16 settembre è infatti il termine ultimo per partecipare ai bandi in scadenza resi disponibili dall’organizzazione. Come riportato da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, venerdì 4 e sabato 5 ottobre si terrà a Milano la VI edizione del congresso annuale dei farmacisti italiani. Ad ospitare la due giorni sarà il Milano Convention Centre, MiCo, in Piazzale Carlo Magno, 1. Come per le passate edizioni, anche quella dell’anno in corso sono previsti diversi riconoscimenti deliberati dal Comitato scientifico della manifestazione, presieduto da Luigi d’Ambrosio Lettieri, farmacista e presidente della Fondazione Cannavò, nonché vicepresidente della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi).

Nello specifico, al «“Premio allo studio Giacomo Leopardi” possono concorrere gli autori di tesi di laurea in farmacia o in ctf, oppure di lavori scientifici a carattere monografico, su questi temi: “La sinergia tra farmacista e medico per garantire la ricognizione farmacologica, migliorare l’aderenza alle terapie e per il buon governo della cronicità; La tecnologia al servizio della professione farmaceutica; L’antibiotico resistenza: best practice per la prevenzione, la sorveglianza e piani di monitoraggio e controllo». Dunque, «al “Premio alla Solidarietà Cosimo Piccinno” possono partecipare in forma singola, organizzati in gruppi o operanti in associazioni, tutti i farmacisti iscritti all’Albo che presentino iniziative di solidarietà». È poi la volta del «Premio all’innovazione Renato Grendene», al quale possono partecipare «i farmacisti iscritti all’Albo, in forma singola, organizzati in gruppi o operanti in associazioni, presentando esperienze innovative, realizzate secondo modelli di best practice replicabili, che abbiano determinato benefici per i pazienti e/o che abbiano generato il miglioramento dei livelli di governance del comparto».

Dunque il «Premio alle promesse giovanili Osvaldo Moltedo», dedicato «alle iniziative di supporto dell’attività professionale in farmacia ovvero progetti che si siano particolarmente distinti per gli obiettivi di evoluzione del ruolo del farmacista in farmacia. La partecipazione è riservata agli iscritti all’Albo, di età fino a 42 anni, sia in forma singola, in gruppi o organizzati in associazioni». Infine, il «Premio Antonio Astolfi», al quale «possono concorrere gli autori di tesi di laurea in farmacia e ctf, o di lavori scientifici a carattere monografico, che affrontano in modo innovativo tematiche afferenti alla legislazione nazionale o comunitaria in materia di medicinali, prodotti salutari e farmacia». I farmacisti interessati a partecipare possono reperire ulteriori informazioni o iscriversi al portale web predisposto, raggiungibile al link www.farmacistapiu.it.

© Riproduzione riservata