farmacistapiuFarmacistaPiù – congresso annuale dei farmacisti promosso da Fofi e Fondazione Cannavò, organizzato da Edra Spa e sostenuto da quest’anno da Utifar, che si terrà a Firenze dal 18 al 20 marzo 2016 – propone tra gli altri un convegno dedicato alla «Farmacia oncologica». L’evento, patrocinato da AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e CIPOMO (Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri), punta ad accrescere le competenze dei farmacisti nel supporto al paziente oncologico. «Crediamo – spiega Claudio Verusio, direttore SC Oncologia Medica presso ASST della Valle Olona – nel farmacista e crediamo che debba apprendere i nuovi meccanismi di azione, per rappresentare un valido supporto al paziente oncologico nell’individuazione e nella gestione degli effetti collaterali, spesso imprevedibili e sottovalutati. Questo convegno sarà molto utile nel porre in evidenza la necessità di creare la figura della farmacia e del farmacista specializzato verso le terapie oncologiche». Secondo Elena Penazzi, giornalista e farmacista, «dal convegno scaturirà un’innovativa procedura di Certificazione nazionale per il riconoscimento della farmacia oncologica, un approccio serio e rigoroso per qualificare il ruolo del farmacista. La formazione e la certificazione sono essenziali: il ruolo del farmacista territoriale è di fondamentale importanza per andare a riempire un vuoto assistenziale».
Dello stesso avviso Elisabetta Rossin, esperta in farmacologia e farmacia ospedaliera, secondo la quale occorre sviluppare «una crescente interazione tra farmacista ospedaliero e territoriale poiché il farmacista è frequentemente l’ultimo professionista che interagisce col paziente prima che il farmaco venga dispensato. Assume quindi, un ruolo fondamentale nella gestione del paziente su aderenza terapeutica, alimentazione e rischi di interazioni farmacologiche, benessere psichico e oncologia estetica». «Anche la conoscenza delle interazioni tra farmaci è indispensabile per evitare spiacevoli situazioni che si possono verificare durante la co-somministrazione di farmaci e farmaci antitumorali, erbe medicinali o prodotti omeopatici – aggiunge Paolo Vintani, farmacista e vice presidente di Federfarma Milano -. La coraggiosa sfida che intraprende FarmacistaPiù 2016 sviluppando la basi culturali e metodologiche della Farmacia oncologica è una risposta concreta ai nuovi modelli di pharmaceutical care che nobilitano il farmacista da dispensatore del farmaco ad educatore e consulente in materia sanitaria».
Rachele Aspesi – farmacista e dietista, segretario dell’Ordine di Varese – sottolinea poi «l’importanza dell’alimentazione assunta durante il trattamento con farmaci oncologici, che viene spesso sottovalutata», mentre Lara Bellardita – psicoterapeuta – spiega che «i familiari fanno ancor più fatica dei pazienti stessi ad affrontare e gestire la propria sofferenza, e quando questo succede l’impatto sul percorso di cura del paziente può farsi sentire. Il farmacista può essere visto come un volto amico e competente che diventa un riferimento anche per i familiari».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.