farmacistapiu 2018Il programma definitivo dell’edizione 2018 di FarmacistaPiù, che si terrà all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 12 e il 13 ottobre, è stato pubblicato sul sito Internet ufficiale dell’evento. Come riportato ai propri lettori da FarmaciaVirtuale.it, quest’anno la manifestazione è dedicata in particolare al futuro della professione farmaceutica e alla governance sanitaria finalizzata a garantire la sostenibilità e l’universalità del Sistema sanitario nazionale.

La due giorni di lavori prevede, dopo la cerimonia inaugurale prevista alle 9:30 di venerdì 12, l’apertura e i saluti delle autorità (presenti Andrea Mandelli, presidente della FOFI, Enrica Bianchi, presidente della Fondazione Cannavò, Marco Cossolo presidente di Federfarma, Luigi D’Ambrosio Lettieri, presidente del Comitato Scientifico di FarmacistaPiù e Eugenio Leopardi, presidente di UTIFAR). Alle 11 si terrà quindi una tavola rotonda dal titolo “Gestione cronicità e aderenza alla terapia nell’evoluzione della professione farmaceutica: indicatori di processo e di risultato – linee guida”, mentre alle 13 verrà presentato il libro “Reparto dermocosmetico – Guida all’estetica”.

Quindi ci si concentrerà sul tema della “Aderenza alla terapia nel paziente iperteso e farmacista: linee di indirizzo”. Si parlerà inoltre dei “40 anni dalla 833: il SSN alla prova delle sfide della sostenibilità e dell’equità”. Spazio poi a conferenze su “Un anno di galenica: aggiornamenti in merito alla tariffa e potenzialità del laboratorio”, sul “Supporto al paziente oncologico: il ruolo del farmacista e l’opportunità dei medicinali omeopatici”. E ancora “Vigilanza dei sistemi farmaceutici: case histories”, “Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia”, “Gli integratori alimentari e le principali aree di salute”. Ci sarà modo di approfondire poi i temi della governance sanitaria, della farmacia dei servizi, delle terapie cellulari, della solidarietà, della figura del direttore di farmacia dopo la legge 124/17. Sabato si comincerà invece alle 10 di mattina con un convegno sui “Bisogni di salute del cittadino e le politiche di welfare tra nuovi modelli di governance liberalizzazioni e sostenibilità economica: il ruolo dei farmacisti e della farmacia italiana”.

A seguire, nelle varie sale, eventi sulla formazione del farmacista, sui medicinali equivalenti, sulla “rete delle reti” (Sistema Farmacia Italia), sul ruolo degli unguenti balsamici contro tosse e sintomi del raffreddore, sul digitale che entra in farmacia. Non mancheranno poi approfondimenti sul farmacista collaboratore, sul farmacista nutrizionista, sulle specializzazioni della farmacia, sul rinnovamento della professione, sull’inclusione, sulle parafarmacie e sui valori etici. Nel corso della manifestazione è prevista anche un’area poster nella quale i farmacisti possono esporre dei lavori tecnico-scientifici inerente la propria attività professionale. I lavori pubblicati sono stati valutati dal Comitato Scientifico con il supporto dei rappresentanti delle Società Scientifiche UTIFAR, SIFAC, SIFAP e SIFO. Saranno quindi conferiti tre premi. Il primo, intitolato a “Giacomo Leopardi”, andrà alla migliore tesi di laurea sui seguenti temi: “Farmaci biologici tra innovazione e sostenibilità”, “L’aderenza terapeutica e i nuovi modelli per la gestione delle cronicità per migliori outcome terapeutici e governo della spesa” e “L’antibiotico resistenza: prevenzione, sorveglianza e monitoraggio e controllo”.

Il secondo riconoscimento, intitolato a “Cosimo Piccinno” punta invece a valorizzare le iniziative di solidarietà che animano la professione farmaceutica. Mentre il terzo, intitolato a “Renato Grendene”, si propone di sostenere e diffondere le migliori esperienze innovative realizzate dal farmacista nell’ambito dell’esercizio della professione che abbiano determinato benefici per i pazienti e/o il miglioramento dei livelli di governance del comparto affinché, attraverso la condivisione dell’esperienza, le best practices possano diventare un modello replicabile.

© Riproduzione riservata