Il 4 novembre 2021 presso il Nobile Collegio di Roma si terrà l’inaugurazione dell’ottava edizione di FarmacistaPiù, assise dedicata ai farmacisti italiani, definito dagli organizzatori come un «laboratorio di idee e progetti per trasformare la ripresa in rinascita, raccogliendo le opportunità inedite e irripetibili che la crisi ci ha affidato». Come per il 2020, anche quella dell’anno in corso si terrà online, con l’evento inaugurale “in presenza” trasmesso in streaming. Interverranno Roberto Speranza, ministro della Salute, Francesco Paolo Figliuolo, generale e anche Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) oltre alle autorità di categoria tra cui Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi).

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«La resilienza della sanità italiana»

L’edizione 2021 si terrà il 5, 6 e 7 novembre da remoto e avrà come motto “La resilienza della sanità italiana”. Fofi, Federfarma, Fondazione Cannavò e Utifar nella lettera di presentazione hanno evidenziato come «i farmacisti hanno saputo adattarsi ai differenti contesti di riferimento e hanno dimostrato il valore di una funzione infungibile che ha contribuito a garantire le cure, a qualificare i servizi assistenziali di prossimità, consentendo ai cittadini di ottenere i vantaggi derivanti dalla sanità digitale, il cui potenziamento è una condizione indispensabile per efficientare la sanità italiana».

Nuovo modello di governance

In tale direzione «la pandemia da Sars-CoV-2, in una visione sistemica e multifattoriale, rappresenta una parte della sindemia globale e pone anche la professione farmaceutica davanti alle sfide determinate dalle criticità derivanti dalle condizioni morbose concomitanti delle malattie non trasmissibili – cardio-circolatorie, oncologiche e metaboliche – e dall’insieme di variabili socio-economiche – densità demografica, invecchiamento della popolazione, cronicità, livello di istruzione, indice di povertà – e ambientali. La stretta interconnessione tra salute dell’uomo, dell’animale e dell’ambiente per il progresso sociale ed economico rappresenta il cardine su cui disegnare un nuovo modello di governance che deve saper rilanciare i servizi sanitari territoriali e la centralità della farmacia, in una prospettiva di potenziamento della continuità assistenziale».

Programma ed eventi 2021

Si rimanda alla consultazione del programma integrale sulla pagina https://www.farmacistapiu.it/.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.