farmacie-comunali-scioperoNon bastavano Casinò prima e Actv adesso, per il Comune si apre anche il fronte delle farmacie. Ieri 13 su 15 di quelle comunali hanno abbassato le saracinesche: il primo sciopero in cinquant’anni. La protesta era nazionale, otto ore di black out contro la disdetta del contratto di lavoro dei dipendenti delle farmacie pubbliche italiane, ma Cgil e Cisl veneziane hanno presentato una diffida a Ames, la società del Comune che le gestisce e chiamano in causa anche Ca’ Farsetti. Contro Ames, i sindacati sollevano questioni di opportunità e legittimità perchè i contratti individuali sono stati sostituiti da un «regolamento interno» modellato sul contratto dei dipendenti delle farmacie private. Contro il Comune, i sindacati obiettano che la scelta di penalizzare i dipendenti delle farmacie pubbliche è tutta politica: Ca’ Farsetti deve richiamare la partecipata a una gestione diversa da quelle private. Ma Giampiero Marchese, amministratore delegato, e tornato da poco in Consiglio regionale sui banchi del Pd, obietta: «Il costo del lavoro nelle farmacie pubbliche non può superare quello delle farmacie private». E i dati dicono che la crisi ha pesato anche sulle farmacie: con la sola ricetta rossa, quella della prescrizione del farmaco , l’azienda è passata in cinque anni dal 50 al 34 per cento degli incassi e ogni anno, le farmacie perdono il 6 per cento. Davanti all’assemblea dei lavoratori, ieri i sindacati hanno presentano la loro lista dei conti. «Il regolamento comporta un centinaio di euro in meno sulla busta paga base per i neo assunti, l’azzeramento degli integrativi, l’orario di lavoro aumentato di due ore settimanali da 38 a 40, compensato in busta paga con i riposi aggiuntivi, ritoccati i turni notturni, addio ai buoni pasto, e i giorni di ferie che passano da 30 a 26», riassume Andrea Brignoli di Filcams Cgil. «La diffida serve per poter impugnare a livello legale i diritti acquisiti che i lavoratori hanno perso, perché ormai anche il pubblico ragiona come i padroni: l’amministratore delegato è tanto più bravo quanto più fa quadrare i conti – prosegue – forse è ora che sia il management a tirare un poco la cinghia». Tra i quaranta dipendenti che hanno affollato l’assemblea sindacale in via Ca’ Marcello, si alza una voce: «Ames non è in perdita, vogliamo vedere tutti i conti: dalle mense alle farmacie». Marchese, però, ribatte punto su punto, a iniziare dal suo di stipendio. «A chi pensa che sia quello il problema dico che è inferiore a quello di certi farmacisti e che l’intero consiglio di amministrazione costa 100 mila euro lordi – spiega -. Due anni fa la stessa cifra era per lo stipendio dei soli presidente e direttore. I nostri conti sono consultabili, per chi vuole, in Camera di commercio». Poi le considerazioni si allargano all’orario: «I recuperi non vengono sottratti ma aggiunti al monte ore dei dipendenti, nessuno tra i già assunti avrà decurtazioni nello stipendio e siamo talmente cattivi che abbiamo confermato il premio di produttività. Certo, il sindacato dice che abbiamo unilateralmente scelto di agganciarci al contratto dei privati, ma a quale dovevamo guardare? Li abbiamo invitato per due volte in due mesi al tavolo negoziale ma hanno sempre dietro il paravento del rinnovo del contratto nazionale». La crisi e i minori incassi ci sono. «Nonostante questo le teniamo aperte e non lasciamo nessuno a casa», precisa l’amministratore delegato. La prossima tappa sarà in seconda commissione comunale, ma i sindacati chiedono in assemblea con i dipendenti chiedono notizie sul futuro management: «Sarà ancora Marchese l’ad? Pensa ad Ames o al Consiglio regionale?». Lui risponde: «Lo sciopero è azionale, le mie vicende non c’entrano nulla»

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Corriere del Veneto – Venezia

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.