farmacie-comunali-bolognaLa protesta dei lavoratori delle farmacie comunali a Bologna non si arresta. In occasione dello sciopero dei farmacisti dello scorso mese di marzo, un loro portavoce, Andrea Zacchiroli, aveva affermato: «Siamo alla canna del gas, perennemente sotto organico e molti di noi ci stanno rimettendo la salute». A tali parole aveva risposto il gruppo Admenta Italia, sottolineando, tra le altre cose, che «dal 2013 sono stati assunti ben 82 farmacisti, di cui 51 trasformati a tempo indeterminato nel corso di questi 5 anni». Il quotidiano BolognaToday ha reso noto che una nuova agitazione è prevista nel settore delle comunali del capoluogo emiliano per l’11 maggio. «Si sciopera – spiega il giornale riportando le parole del sindacato autonomo Cisal terziario Paolo Sartori – per “mancanza di personale, turni di lavoro insicuri e faticosissimi, per compensare vuoti di organico, contratti scaduti da anni e non rinnovati, diseguaglianze nelle retribuzioni e una gestione sorda all’ascolto delle esigenze, in particolare delle lavoratrici”». La stessa sigla, per questo, ha chiesto un incontro con il Comune e ha ribadito «la richiesta di fermare la rinuncia all’ultimo 15% di Afm che Palazzo D’Accursio a gennaio ha annunciato di voler cedere». Della possibile cessione si sta infatti ancora discutendo, e secondo il segretario provinciale della Cisal terziario, «il Comune non può cedere il controllo delle farmacie ad aziende che violano i diritti dei lavoratori, della contrattazione e della donna». Al contrario, l’amministrazione locale dovrebbe operare dei controlli, poiché «le farmacie operano in un settore delicato del welfare». «La privatizzazione totale – aggiunge ancora Sartori – consegna un patrimonio del welfare di Bologna nelle mani di una delle quattro più grandi aziende mondiali della distribuzione farmaceutica, che non è detto che abbia scopi filantropici».
Tra le rivendicazioni sindacali c’è, inoltre, quella di non sostituire il personale che incrocia le braccia. Cosa che secondo la Cisal «è accaduto a marzo, quando farmacisti del magazzino furono trasferiti nei negozi dove c’era poco personale».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.