farmaci in carcereLa regione Emilia-Romagna ha pubblicato un documento contenente le «Linee di indirizzo per la gestione clinica dei farmaci negli istituti penitenziari». Si tratta di un dossier rivolto a tutte le aziende Usl, che sarà presentato nel corso di un seminario lunedì 18 maggio 2015 a Bologna (dalle 9.30 alle 13.30, in viale Aldo Moro 21, sala 417). L’obiettivo della decisione, assunta dalla Direzione generale Sanità e Politiche sociali, è di «migliorare ulteriormente la qualità e la sicurezza delle cure rivolte alle persone detenute», nonché di «fornire indicazioni per la gestione clinica dei farmaci negli istituti penitenziari di tutta l’Emilia-Romagna e uniformare le procedure seguite nelle carceri dalle Usl».
Le linee guida sono state elaborate, spiega la Regione, da «un gruppo di lavoro multidisciplinare, composto da professionisti delle aziende sanitarie, della Regione e degli istituti penitenziari, a partire dalle linee ministeriali sulla sicurezza nell’uso dei farmaci». Il dossier, di oltre 40 pagine, tiene conto anche «di alcuni aspetti peculiari dell’assistenza alle persone detenute in Emilia-Romagna»: il fatto, ad esempio, che sia già strutturato un percorso clinico di assistenza alle persone detenute, così come la sperimentazione in atto, negli ambulatori di alcuni penitenziari, dell’uso di sistemi informatizzati per la somministrazione di terapie farmacologiche. «Oltre ad individuare gli obiettivi e a descrivere le attività che riguardano la gestione dei farmaci in carcere – spiega la Regione – si affrontano anche i temi dell’approvvigionamento dei medicinali, della gestione delle scorte, della preparazione della terapia farmacologica, nonché della continuità assistenziale (ad esempio nel passaggio da un istituto di pena all’altro, oppure nella dimissione dal carcere agli arresti domiciliari o in comunità, oppure quando il detenuto torna in libertà)».
Le Usl, sulla base del documento regionale, dovranno ora elaborare procedure locali che tengano conto delle necessità specifiche e dei contesti organizzativi, individuando compiti e responsabilità delle figure professionali, tempi di attuazione delle linee di indirizzo e azioni di monitoraggio dei risultati.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.