european medicines agency londraLa European Medicines Agency ha pubblicato un bando per l’assegnazione di 48 tirocini retribuiti, che verranno effettuati presso la sua sede, a Londra. La proposta è rivolta a tutti i cittadini dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo (che oltre agli Stati Ue comprende anche Norvegia, Liechtenstein e Islanda), che siano in possesso di una laurea in una delle seguenti discipline: Farmacia, Medicina, Scienze della vita, Salute, Chimica, Information Technology, Giurisprudenza (e che abbiamo manifestato un particolare interesse rispetto alla disciplina giuridica dei farmaci). E ancora Risorse umane, Finanza, Comunicazione, Relazioni pubbliche, Scienze dell’informazione. È necessaria inoltre una buona conoscenza della lingua inglese, e di una seconda lingua ufficiale dell’Unione europea. La durata massima prevista per le traineeships è stata stabilita in 12 mesi (raggiungibili attraverso due contratti consecutivi da 6 mesi ciascuno). Sono previste inoltre due possibilità in termini temporali: si potrà scegliere di iniziare il semestre il 1 ottobre 2015 oppure il 1 aprile 2016.
La procedura per avanzare le candidature relative alla prima tornata di stage (quella che prenderà il via nel prossimo autunno) è già attiva, e si concluderà a breve: il prossimo 15 giugno 2015. Entro quella data, dunque, gli interessati dovranno inviare i propri dossier, seguendo le procedure indicate dall’EMA sul proprio sito internet. È necessario, in particolare, compilare un form che può essere scaricato in formato pdf dallo stesso sito: esso, assieme agli altri documenti richiesti, dovrà essere inviato con un messaggio di posta elettronica all’indirizzo traineeship@ema.europa.eu.
Entro circa due settimane dall’invio della documentazione, l’agenzia si impegna ad inviare ai candidati un avviso di ricezione; i contatti telefonici sono previsti invece nel periodo che va da luglio a settembre. Alle persone che saranno scelte sarà concesso un pagamento di 1.350 sterline (pari a circa 1.600 euro) al mese, nonché un’indennità di spostamento al fine di compensare i costi sostenuti per il trasferimento nel Regno Unito.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.