La nuova piattaforma EudraVigilance, il sistema di raccolta e analisi delle informazioni relative alle sospette reazioni avverse ai medicinali autorizzati o oggetto di test clinici nell’Unione europea, ha ricevuto nel corso del 2018 più di due milioni di segnalazioni. Ad indicarlo è la European Medicines Agency (EMA), nel Rapporto annuale pubblicato alla fine del mese di marzo del 2019, al cui interno si sottolinea come il dato risulti in aumento del 37% rispetto all’anno precedente. «Ciò – osserva l’agenzia – rappresenta il risultato del fatto che da novembre 2017 le autorità competenti a livello nazionale e i detentori di autorizzazioni all’immissione in commercio sono obbligate ad indicare anche casi giudicati “non gravi” di reazioni avverse, mentre in precedenza ci si limitava a quelli “gravi”». Ma secondo l’EMA il successo della piattaforma è dipeso anche dall’apporto fornito dai pazienti e dai consumatori europei, attraverso le autorità nazionali. Il numero di segnalazioni giunte da loro è infatti raddoppiato tra il 2017 e il 2018, «grazie agli sforzi effettuati a livello nazionale in questo campo».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Inoltre, sempre dal novembre 2017 è stato semplificato il metodo di reporting. Nel rapporto si precisa quindi che l’EMA ha analizzato più di 2.200 segnalazioni, delle quali l’80% è arrivato proprio dalla banca dati EudraVigilance. Le altre sono state raccolte invece da studi clinici e letteratura scientifica. Ne sono discese 114 segnalazioni di sicurezza diffuse dal Comitato PRAC: il 40% in più rispetto al 2017. Nel 44% dei casi l’EMA ha fornito direttamente una raccomandazione al fine di cambiare le informazioni fornite ai pazienti e ai professionisti sanitari sui medicinali. Ad oggi la piattaforma EudraVigilance contiene ben 14,5 milioni di segnalazioni individuali di possibili effetti collaterali. «Essa – sottolinea l’agenzia europea – rappresenta così uno dei più grandi database al mondo nel suo campo, e uno strumento di fondamentale importanza in Europa per il monitoraggio della sicurezza sui farmaci».

EudraVigilance, inoltre, fornisce direttamente i propri dati anche all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): in particolare, nel corso del 2018 il trasferimento ha riguardato più di un milione di segnalazioni, «il che rappresenta un contributo di grande importanza nell’ottica di proteggere la salute pubblica a livello globale».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.