Come riportato da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, lo scorso aprile l’Enpaf aveva pubblicato le disposizioni attuative per l’erogazione del fondo per l’emergenza covid-19 destinato ai farmacisti colpiti. In merito a tali provvedimenti, l’Enpaf fa sapere che «con atto presidenziale n. 15/2020, adottato in via d’urgenza e ratificato con successiva deliberazione del Consiglio di amministrazione n.17/2020, ha previsto misure di sostegno della categoria in occasione dell’emergenza sanitaria da Covid-19». Più nel dettaglio, si legge in una nota dell’Enpaf «con valuta 30 giugno è stato disposto il pagamento di un primo gruppo di istanze per un ammontare complessivo pari a 226.300,00 euro». Con riferimento al dettaglio delle domande accolte e respinte, l’Enpaf evidenzia che l’elenco «è stato pubblicato sul sito Internet dell’Enpaf ed è consultabile tramite un link apposito».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Nella stessa circolare, viene ricordato che «in base alle iniziative adottate dall’Ente vengono riconosciute le seguenti misure di sostegno: in caso di decesso del farmacista iscritto all’Enpaf, anche se titolare di pensione, vittima del COVID – 19 è previsto un contributo pari a 11.000,00 euro; in caso di ricovero del farmacista iscritto, anche se titolare di pensione, presso una struttura ospedaliera a seguito di positività al Covid-19, spetta un contributo pari a 200,00 euro per ogni giornata di ricovero; in caso di isolamento obbligatorio domiciliare o presso una struttura dedicata che venga disposto con provvedimento dell’Autorità sanitaria competente nei confronti del farmacista iscritto, ancorché titolare di pensione, a seguito di positività al Covid-19 spetta un contributo pari a 100,00 euro per ogni giornata di isolamento; in caso di chiusura temporanea della farmacia o della parafarmacia, in conseguenza del contagio da Covid-19 spetta al titolare dell’esercizio, anche se titolare di pensione, un contributo pari a 400,00 euro per ogni giornata di chiusura».

© Riproduzione riservata