enpafLa farmacista Monica Canciani ha fatto sapere di aver pubblicato sulla pagina Facebook del senatore Andrea Mandelli, presidente della Fofi, una lettera nella quale un nutrito gruppo di colleghi (seicento, secondo quanto spiegato dalla stessa professionista) scrivono: «In qualità di referenti del costituito Gruppo Enpaf “Farmacisti uniti per l’abolizione dell’Enpaf”, esprimiamo l’adesione ed il sostegno in favore della risoluzione 7-00600 presentata dall’on. Matteo Dall’Osso (M5S). La categoria farmacisti include infatti figure diverse per ruolo e regime contributivo contemplando i liberi professionisti (titolari di farmacia e parafarmaci) i borsisti, che hanno come unico ente previdenziale l’Enpaf, i lavoratori dipendenti assoggettati anche all’Inps, i disoccupati. L’attuale contesto di crisi economica rende ancora più doveroso un riordino della normativa in materia che consenta ai giovani laureati di inserirsi nel mondo del lavoro con minori iniziali oneri economici».
«Il contributo previdenziale Enpaf – prosegue la lettera – è stabilito in cifra fissa, tuttavia ove l’iscritto appartenga ad alcune categorie ha la possibilità di chiedere la riduzione del contributo». In particolare, ad esempio, per chi esercita attività professionale in relazione alla quale siano soggetti per legge all’assicurazione obbligatoria ovvero ad altra forma di previdenza obbligatoria; per gli iscritti che si trovano in condizione di disoccupazione involontaria, o ancora per coloro i quali non esercitino attività professionale. «Chi sceglie di versare il contributo previdenziale in misura ridotta – si legge nella missiva – otterrà una prestazione pensionistica proporzionalmente ridotta». Per questo i firmatari chiedono di «introdurre parametri obiettivi, quali reddito e fatturato, a titolo esemplificativo, rispetto ai quali determinare l’entità del contributo dovuto», e spiegano come a loro avviso sia «incostituzionale una contribuzione integrativa obbligatoria per chi è già soggetto ad altro ente previdenziale. La ratio di un doppio regime contributivo è di difficile individuazione ancor più in un momento quale quello attuale di profondo cambiamento delle realtà professionali».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.