«L’eiaculazione precoce è una condizione che interessa tra il 20% e il 30% della popolazione maschile in Italia. Per gestirla è disponibile anche in Italia un nuovo farmaco, la prima formulazione spray a base di due anestetici locali, lidocaina e prilocaina, approvata per questo specifico problema». E’ quanto annunciato dall’azienda farmaceutica Recordati, in occasione del 91° Congresso Nazionale della Società Italiana di Urologia (SIU), svoltosi a Rimini. «Il nuovo farmaco è uno spray predosato – spiega l’azienda -costituito da due anestetici locali, lidocaina + prilocaina, che bloccano temporaneamente la trasmissione degli impulsi nervosi nel glande, riducendone la sensibilità e comportando, di conseguenza, un ritardo del tempo di latenza eiaculatoria». In sostanza, l’efficacia si manifesta grazie alla «penetrazione dei principi attivi negli strati mucosi del glande, effettuando la propria azione in modo mirato, già dopo 5 minuti dalla sua applicazione».

«Ritengo che un farmaco topico, in grado di offrire all’uomo una concreta opzione terapeutica, sia innanzitutto utile per promuovere una awareness maggiore in tema di eiaculazione precoce – afferma Andrea Salonia, Professore Ordinario di Urologia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano -. Nello specifico, da questa formulazione spray ci aspettiamo molto, per la sua facilità d’impiego e per la discrezione con cui può essere utilizzata: il brevissimo tempo di attesa tra l’applicazione della molecola e l’inizio dell’e etto è senza dubbio un successo farmacologico. Inoltre, siamo rassicurati dal profilo di sicurezza, risultato molto buono in tutti gli studi scientifici condotti ad oggi, con una buona tollerabilità per il paziente».

© Riproduzione riservata