easypharmSi chiama EasyPharm, ed è una nuova applicazione per telefoni smartphone. Il software è stato sviluppato da due farmacisti della città di Liegi, e costituisce un inedito (almeno in Belgio). Secondo quanto riportato dal sito internet della radio belga RTBF.be, i creatori – Nicolas e François-Régis – hanno riferito di considerare i servizi sanitari digitali come il vero e proprio «avvenire della farmacia».
Il principio della app sviluppata dai due titolari è piuttosto semplice: grazie all’utilizzo del proprio telefono cellulare, tutti i pazienti possono inviare una fotografia della prescrizione medica compilata a loro nome da un medico, e il farmacista può confermare in tempo reale se i medicinali sono o meno disponibili. In caso contrario, è possibile ordinarli e sapere quando essi saranno disponibili. «Capita non di rado che le persone arrivino in farmacia con una fotografia scattata con il proprio smartphone della ricetta o del prodotto che desiderano. L’obiettivo dell’applicazione è di poter inviare la fotografia direttamente al titolare, ed essere tenuti aggiornati sull’avanzamento della richiesta. Ad esempio, per una madre che cerca un prodotto particolare per il proprio bambino, è utile sapere di poterlo acquistare direttamente tornando dal lavoro».
Ma non è tutto. Grazie alla app sarà anche possibile per i farmacisti effettuare un controllo sugli effetti indesiderati sopravvenuti in seguito all’assunzione dei medicinali: «Ci sarà una rubrica nella quale i pazienti potranno porci delle domande sui farmaci e sui loro effetti collaterali. Ci sarà perciò un vero scambio. E le informazioni raccolte saranno inviate anche all’agenzia federale del farmaco, che potrà così arricchire il suo database».
Secondo quanto riferito dai due ideatori del software, quest’ultimo dovrebbe essere disponibile per i farmacisti del Belgio a partire dalla fine del mese di luglio del 2015.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

© Riproduzione riservata