dpc-marcheCALA di circa il 30% la remunerazione che la Regione riconosce alle farmacie per la ‘Distribuzione per Conto’ (dpc), ossia per i farmaci erogati dalle farmacie convenzionate in nome e per conto del sistema sanitario locale. E’ un accordo agrodolce quello firmato nelle Marche da Regione e Federfarma. Per quanto concerne i compensi, l’intesa riconosce alle farmacie una remunerazione di 3,50 euro a pezzo Iva esclusa, che sale a 4 euro per le rurali sussidiate. Si rivede quindi al ribasso l’accordo del 26 giugno 2012, che prevedeva una remunerazione di 5 euro. I titolari, in compenso, hanno ottenuto l’impegno dell’Assessorato a discutere e risolvere i problemi più impellenti del comparto e già oggi in Regione è previsto un nuovo incontro. «Abbiamo lottato a lungo per riuscire ad avere di più – è il commentodel presidente di Federfarma Marche, Pasquale D’Avella – ma purtroppo la controparte è stata irremovibile».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

QN – Il Resto del Carlino – Ancona

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.