Con delibera del 23 settembre 2021, la Commissione nazionale per la formazione continua, che fa capo all’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), ha pubblicato una serie di linee guida relative alla realizzazione del dossier formativo valido per il triennio 2020-2022. «Ai fini della nuova fase di implementazione, nella prospettiva del pieno sviluppo del dossier formativo, anche con riferimento agli aspetti operativi del dossier di gruppo – premette la Commissione nella delibera – si definiscono i seguenti principi e linee guida, validi per il triennio formativo 2020-2022, per tutti i professionisti sanitari, le aziende sanitarie pubbliche e private, gli Ordini e le rispettive federazioni nazionali, che accedono alla costruzione del dossier». Il dossier formativo può essere realizzato e gestito esclusivamente attraverso il supporto informatizzato del Consorzio gestione anagrafica delle professioni sanitarie (Cogeaps).

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Dossier individuale e dossier di gruppo

Il dossier formativo può essere individuale o di gruppo. Quest’ultimo, si legge nelle linee guida, «può essere costituito se le aziende sanitarie pubbliche e private, gli Ordini e le rispettive federazioni nazionali sono dotati di risorse adeguate, avendo come riferimento l’organizzazione in cui si sviluppa il gruppo stesso. Il codice evento, il codice provider, il codice edizione e il codice dell’ente accreditante sono la chiave numerica identificativa della partecipazione ed evidenziano lo sviluppo nel tempo del dossier dei professionisti, componenti il gruppo e impegnati nella realizzazione del dossier». Nella definizione del dossier è possibile stabilire e impostare fino a dieci obiettivi tecnico-professionali, di processo o di sistema, dimensionandoli percentualmente. «In questo modo – precisa la Commissione nazionale per la formazione continua – si avranno a disposizione dieci obiettivi formativi in cui ricomprendere lo sviluppo formativo triennale». Le linee guida sottolineano inoltre che «la programmazione e pianificazione del dossier formativo di gruppo nelle aziende sanitarie pubbliche e private, negli Ordini e nelle rispettive federazioni nazionali è effettuata nel rispetto della libertà, indipendenza e autonomia dei professionisti».

Il dossier dà diritto a un bonus per i professionisti

Con il dossier formativo, rispettando alcuni requisiti, i professionisti possono ottenere uno speciale bonus. Le condizioni per acquisirlo sono la costruzione del dossier, la sua congruità con la professione esercitata e la coerenza, relativamente alle aree, di almeno il 70% tra il dossier programmato e quello effettivamente realizzato. «Il bonus – specificano le linee guida -, quale riduzione dell’obbligo formativo del singolo professionista, è quantificato nella misura di 50 crediti formativi, di cui 30 assegnati nel triennio 2020-2022 e gli ulteriori 20 nel triennio successivo rispetto a quello in cui si è costruito il dossier, qualora questo sia stato sviluppato nel rispetto dei principi di congruità e coerenza di cui sopra».

Consultazione e modifiche del dossier

Una volta costituito, il dossier formativo può essere consultato dal professionista collegandosi al sistema Cogeaps, tramite il portare o l’app, per visualizzare la situazione crediti. Solo una volta nell’anno solare è possibile modificare il dossier, a seguito di eventuali cambiamenti degli incarichi professioni o per nuove esigenze. Per ulteriori dettagli, si rimanda al testo integrale della delibera Agenas.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.