«Generare crescita sostenibile e soluzioni efficienti per la distribuzione, in un mercato in evoluzione» e dare il via ad «investimenti per servizi nuovi e migliori, garantendo eccellenza operativa e mantenendo i livelli di servizio per i clienti in Germania». Sono i principali obiettivi del nuovo accordo tra Walgreens Boots Alliance (Wba), leader mondiale nella distribuzione di prodotti farmaceutici e per il benessere, e McKesson Corporation, società internazionale all’ingrosso e al dettaglio e fornitore di logistica e servizi per il settore farmaceutico e sanitario. Lo rende noto la stessa Wba, che fornisce ulteriori dettagli in merito all’operazione: «La nuova joint venture – evidenzia Wba – potrà aumentare la capacità competitiva e favorire alti livelli di soddisfazione per i clienti, attraverso nuovi servizi, eccellenza operativa e il potenziamento di soluzioni incentrate sul paziente». In aggiunta a ciò, Wba spiega che «la nuova realtà porterà a soluzioni efficienti per la distribuzione e a maggiori economie di scala, stimolando la competitività nel mercato tedesco della distribuzione farmaceutica all’ingrosso. L’operazione non riguarda nessun altro business di WBA o McKesson, avendo come oggetto solamente le attività di distribuzione all’ingrosso in Germania».

«Combinare le nostre attività nella distribuzione farmaceutica – commenta Ornella Barra, Co-chief operating officer di Wba – è la decisione giusta per assicurare successo nel lungo termine ad entrambi i business. È un passo avanti strategico che porterà benefici per tutti. Stiamo creando una società sostenibile a vantaggio dei nostri clienti e del sistema sanitario tedesco». Per l’occasione Wba puntualizza che «entrambe le società avranno una rappresentanza proporzionale nel Supervisory Board della joint venture». Inoltre, «l’operazione – conclude Wba – è soggetta all’autorizzazione e approvazione da parte delle autorità preposte. Si prevede che tale procedimento impiegherà almeno sei mesi. I termini finanziari della transazione non sono stati resi noti».

© Riproduzione riservata