ddl concorrenza farmacieÈ ripreso l’8 settembre 2015 l’iter di approvazione del disegno di legge sulla Concorrenza («Legge annuale per il mercato e la concorrenza», atto C-3012), che ha iniziato ufficialmente il proprio percorso parlamentare il 3 aprile scorso. Le due commissioni incaricate di esaminare il testo proposto dal governo – Finanze e Attività produttive della Camera – hanno riavviato infatti l’analisi del testo di legge, dopo la pausa estiva. Nei primi passaggi l’attenzione – come riferito dall’agenzia di stampa Il Sole 24 Ore Radiocor – si è concentrata su questioni che non riguardano direttamente i farmacisti: in particolare, le prime votazioni hanno riguardato alcuni emendamenti proposti per modificare l’articolo 22, che reca disposizioni in materia di concorrenza nella distribuzione dei carburanti per l’autotrazione.
Ciò che interessa di più sono le previsioni circa la tempistica. Secondo il deputato del Partito democratico Andrea Martella (uno dei relatori del provvedimento), il disegno di legge potrebbe ottenere il via libera da parte delle due commissioni già nei prossimi giorni. A quel punto potrebbe cominciare la discussione in Aula (alla Camera e poi al Senato): qualora entrambi i rami del parlamento dovessero approvare lo stesso testo di legge, mancherebbe a quel punto solo la firma del Capo dello Stato, prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Ma i tempi potrebbero essere ancora lunghi: nei prossimi giorni la conferenza dei capigruppo dovrà definire i tempi della prima lettura da parte della Camera. Proprio al fine di accelerare al massimo la conclusione dei lavori delle commissioni, Martella ha fatto sapere di non escludere la convocazione di sedute notturne. Assieme a quelli sulle farmacie, infatti, restano ancora da esaminare – tra gli altri – gli emendamenti agli articoli relativi ai servizi postali, ai costi delle chiamate telefoniche per l’assistenza clienti, al confronto tra i servizi bancari, alla polizze assicurative su finanziamenti e mutui.

© Riproduzione riservata