credifarma“È evidente che: ancora non abbiamo ricevuto nulla di concreto e valutabile ma, soprattutto, durante gli incontri con l’azienda, ci vengono riferite soluzioni da parte dei soci in palese discontinuità con quanto avevano deciso in precedenza. Tutto ciò è preoccupante”. Tuonano i lavoratori e i Sindacati di Credifarma attraverso un comunicato, risalente al 10 marzo 2015, che lascia poco spazio alle interpretazioni.
I lavoratori, in attesa di risposte chiare e concrete, sono tornati ancora una volta in presidio sotto la sede laziale di Credifarma, la Società finanziaria che opera al servizio dei farmacisti.
Dalle parole ai fatti. È questo l’impegno che viene richiesto dalle organizzazioni sindacali al socio di maggioranza e ai soci bancari.
In particolare, nel comunicato, si chiede a Federfarma di tutelare la sua categoria e di promuovere la finanziaria dei farmacisti con azioni concrete presso le associazioni provinciali. Parole sono rivolte anche a BNL e a Unicredit affinché si impegnino a migliorare le condizioni di supporto finanziario a Credifarma, in nome di un piano di rilancio dell’azienda che possa essere sostenibile e duraturo.
Un confronto con i soci, quindi. Questa è la richiesta che si vuole venga accolta dopo quelli che vengono definiti “innumerevoli solleciti”. L’obiettivo è la ricerca e la condivisione di linee guida che salvaguardino l’azienda e i livelli occupazionali.
A creare malcontento, inoltre, sembra essere un clima di attesa che rende ancora sconosciuti i dettagli di quanto sta emergendo dai tavoli tecnici e che non dà certezza in merito a soluzioni concrete, sostenibili e durature per la società.
Si invoca a gran voce la concretezza, dunque. Dal comunicato, infatti, trapela anche l’insoddisfazione per le risposte fin qui ricevute dai rappresentanti dei soci, che dicevano: “una soluzione verrà trovata” o, ancora, “non si intende disperdere il patrimonio di esperienza, lavoro e valori, rappresentato da Credifarma”.
Finora, comunque, non sembra si possa parlare di una vera e propria rottura. I lavoratori di Credifarma, infatti, affermano di voler continuare a fare fino in fondo il proprio dovere nonostante il clima di difficoltà e di attesa. Il confronto con la proprietà, poi, è la chiave proposta dalle organizzazioni sindacali per ricercare in maniera costruttiva soluzioni che possano essere condivise da tutti.
Queste le richieste per risolvere una situazione che, al momento, rima con preoccupazione.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.