concorso-straordinario-farmacie

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

“La legge 24 marzo 2012, n. 27 di conversione, con modificazioni, del Decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività, all’articolo 11 prevede misure per il potenziamento dei servizi farmaceutici”, spiega d’Ambrosio Lettieri, “in particolare, il citato articolo 11, per favorire l’accesso alla titolarità delle farmacie prevede, tra le altre cose, che ciascun comune, sulla base dei dati ISTAT sulla popolazione residente al 31 dicembre 2010, individua le nuove sedi farmaceutiche disponibili nel proprio territorio e invia i dati alla regione entro e non oltre 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto. Entro 60 giorni dall’invio dei dati da parte dei comuni, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano bandiscono il concorso straordinario per soli titoli, per la copertura delle sedi farmaceutiche di nuova istituzione e provvedono, entro un anno dalla data di entrata in vigore della legge, ad assicurare la conclusione dei concorsi per l’assegnazione delle sedi a coloro che risultano essere in possesso dei requisiti di legge”.

“Ma ad oggi”, rileva il capogruppo del PdL nell’interrogazione, “risulta che siano stati riscontrati dei problemi tecnici all’interno della piattaforma tecnologica messa a punto dal Ministero della Salute, in stretta collaborazione con le Regioni – consentendo a queste ultime di attivare procedure concorsuali in piena autonomia e ai candidati di partecipare al bando di concorso compilando un modulo on line – creando disagio ai concorrenti e determinando un rallentamento delle procedure”.

“Il mancato potenziamento dei servizi farmaceutici sul territorio andrebbe a detrimento del buon funzionamento del sistema sanitario in cui le farmacie rivestono un ruolo significativo offrendo ai cittadini assistenza e servizi supplenti alle carenze territoriali”, sottolinea, “e la mancata attivazione dei concorsi non sarebbe un buon segnale neanche dal punto di vista occupazionale. Per questo chiedo ai ministri competenti di fornire un quadro chiaro e complessivo della situazione”.

D’Ambrosio Lettieri chiede, in particolare, “se le Regioni abbiano provveduto a bandire i concorsi come previsto dall”articolo 11 della legge del 24 gennaio 2012 n. 27 e ad assicurare lo svolgimento dei medesimi concorsi per l’assegnazione delle nuove sedi; se tali concorsi siano ancora in fase di svolgimento o se si siano conclusi ovvero quali i motivi per i quali le procedure previste dal citato art. 11 non si siano ancora concluse; quale sia il numero delle sedi farmaceutiche di nuova istituzione per ciascuna regione sulla base del nuovo rapporto farmacia-abitanti; se i Ministri ritengano che la piattaforma tecnologica abbia effettivamente perseguito l’obiettivo di rendere trasparenti, tempestive e uniformi le procedure concorsuali assicurando lo scambio e la diffusione delle informazioni tra gli utenti e gli enti interessati”.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.