concorso straordinario emilia romagnaLa Regione Emilia-Romagna ha fatto sapere che il concorso pubblico straordinario per l’assegnazione di nuove sedi farmaceutiche sul proprio territorio entrerà nelle prossime settimane nella sua fase finale. Da domenica 10 gennaio 2016, a partire dalle ore 18, e fino a venerdì 15 gennaio alla stessa ora, si svolgerà infatti la procedura del primo interpello: i candidati vincitori del concorso verranno dunque formalmente interpellati e dovranno esprimere l’ordine di preferenza sulle sedi disponibili.
Venerdì 8 gennaio, ovvero due giorni prima dell’inizio della procedura di interpello, sarà inviato alla casella di posta elettronica certificata del vincitore (titolare della candidatura singola o referente della candidatura in forma associata) un avviso con le indicazioni da seguire per effettuare la scelta delle sedi. L’interpello dei candidati si svolgerà collegandosi alla piattaforma web ministeriale, all’indirizzo ufficiale.
Superata questa fase, la Regione provvederà ad assegnare le sedi delle farmacie ai vincitori del concorso. Con una specifica, che è stata annunciata dalla stessa amministrazione locale sul proprio sito. Ovvero il fatto che qualora le sedi siano state vinte concorrendo in forma associata, la titolarità non sarà concessa alla stessa società, bensì ai singoli partecipanti: «In caso di partecipazione al concorso in forma associata – spiega infatti la Regione – la titolarità della farmacia verrà riconosciuta ai singoli farmacisti, quindi alle persone fisiche, non alla società eventualmente costituita per la gestione della farmacia. Questo è stato disposto con la delibera della giunta regionale numero 2083 del 14 dicembre 2015, pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna (Burert) numero 325 del 16 dicembre 2015». In questo modo, di fatto, ad essere “co-titolari” saranno tutti i partecipanti ad una candidatura in forma associata.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

© Riproduzione riservata