rowaLa leva principale era la volontà di concentrare le forze del lavoro dei farmacisti sull’utente e non sulla ricerca del farmaco.
Ho ritenuto di dovermi focalizzare su alcuni aspetti per me irrinunciabili: modalità di “conferimento” del farmaco da parte del sistema di automazione, semplicità del software e dei protocolli di comunicazione tra quest’ultimo e la macchina, semplicità e rapidità di intervento in caso di blocco, minore presenza di organi in movimento potenzialmente usurabili con il tempo, qualità e rapidità dell’assistenza, consumi e rumorosità.
Ho visitato in Italia ed in Germania le principali aziende produttrici di sistemi automatici di gestione del farmaco e numerose farmacie già automatizzate, per poter rendermi conto dei problemi reali incontrati nell’uso, della rumorosità (della macchina e dei nastri trasportatori), della velocità di consegna, dei consumi e del livello di soddisfazione dei farmacisti.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

La scelta finale di Rowa Vmax è stata determuinata da due fattori:

  1. Tipo di farmacia. La Farmacia Toschi, che conserva una parte antica di grande pregio, è molto complessa sul piano logistico ed architettonico. Quando ho installato stavamo ristrutturando. Avevo bisogno di un sistema che, per certo, e senza produrre alcun impatto iniziale, semplificasse davvero la gestione del lavoro.
  2. Affidabilità dell’Azienda Rowa e grande efficienza e rapidità in caso di blocco. La Farmacia Toschi è un’azienda con dieci dipendenti e tanti reparti attivati (erboristeria, dermocosmesi, servizi di prenotazione, autoanalisi) e volevo cautelarmi da rodaggio difficile che avevo sentito raccontare da molti colleghi. Non potevo correre rischi di blocchi o rallentamenti.

L’esperienza con Rowa dopo il montaggio del sistema è stata ben al di sopra delle aspettative. Il richiamo del farmaco a banco è risultata una operazione tanto banale da diventare subito automatica. Da tutto il personale i vantaggi sono stati percepiti come immediati. Il richiamo a video della denominazione richiesta permette un doppio controllo e diminuisce la possibilità di errori. Il sistema si è dimostrato semplice, affidabile e robusto nella gestione delle consegne, non ha mai rallentato il lavoro ed ha richiesto pochissimi interventi quitidiani.
L’automazione semplifica il lavoro, se il sistema scelto è solido ed affidabile. Permette di avere una giacenza “certa” dei prodotti e il tanto spazio interno alla macchina (nel nostro caso arriva a 20.000-21.000 prodotti) permette un risparmio sugli acquisti (resi meno frequenti per le alte rotazioni, facilmente e rapidamente caricate con il sistema ProLog senza necessità di un operatore).

L’automazione produce quindi quattro sostanziali vantaggi:

  1. Maggiore soddisfazione dell’utente, che non vede così il farmacista come un operatore che esegue una consegna, ma come un professionista in ascolto.
  2. Miglioramento dei margini di acquisto.
  3. Miglioramento della gestione delle scadenze/giacenze.
  4. Minor fatica, maggior rapidità e riduzione della possbilità di errori specie nella spedizione di blocchi di ricette.

Dopo l’installazione di Rowa la farmacia ha cambiato marcia. Ha assunto le dimensioni di una impresa moderna, con un approccio logistico avanzato. La percezione di lavorare in modo molto più confortevole ha migliorato l’efficienza del lavoro. La farmacia è ora al passo con i sistemi tecnologici più attuali che caratterizzano la nostra vita quotidina (smart-phone, lettori pad).
Ad un occhio critico come quello di ciascuno di noi non può sfuggire la semplicità del lavoro acquisita e la robustezza del sistema. Se un collega mi chiedesse un consiglio direi semplicemente di venire a vedere come lavoriamo. Il tutto si riassume in quattro parole chiave: robustezza, semplicità, affidabilità, rapidità. Sono gli attributi del sistema che hanno cambiato il nostro lavoro; basta osservarci lavorare per comprendere il miglioramento acquisito su ogni singola operazione di movimentazione del farmaco.

Dott. Achille Toschi
Farmacia Toschi, Bologna (BO)

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.