coenzima q10Secondo uno studio firmato da Svend Aage Mortensen – cardiologo e ricercatore danese, primario del Copenhagen Heart Centre presso il Rigshospitalet – l’assunzione del coenzima Q10 può migliorare sensibilmente i sintomi e il corso della malattia nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca cronica. «A mio parere, includere questo nuovo tipo di terapia è un netto cambiamento nella cura», ha spiegato il medico, la cui ricerca è stata pubblicata dal Journal of the American College of Cardiology. «La terapia convenzionale per l’insufficienza cardiaca – aggiunge Mortensen – si focalizza sull’inibizione di diversi fattori ormonali che sono predominanti nell’insufficienza cardiaca e che affaticano il cuore. Il coenzima Q10, invece, può sostenere i processi cellulari relativi al metabolismo energetico, fornendo così forza aggiuntiva al muscolo cardiaco debole. I risultati ottenuti con gli altri medicinali stimolanti per il cuore utilizzati nella cura dell’insufficienza cardiaca sono stati deludenti».
Lo studio è stato effettuato su un totale di 420 pazienti con insufficienza cardiaca cronica, ciascuno dei quali ha seguito la cura per un periodo di due anni. Alla metà dei pazienti sono state somministrate tre capsule da 100 mg di coenzima Q10 (Q10 Gold) al giorno, mentre l’altra metà ha ricevuto lo stesso quantitativo di capsule fittizie contenenti un placebo inattivo. In entrambi i gruppi i pazienti hanno quindi proseguito il trattamento con il regime piuttosto vasto di medicinali che viene solitamente prescritto in caso d’insufficienza cardiaca. Al termine dell’analisi, il primo gruppo ha registrato un calo dei decessi pari al 43%, e anche il numero di ospedalizzazioni risulta diminuito rispetto ai pazienti del gruppo-placebo. Secondo Mortensen, il coenzima Q10 potrebbe avere un ruolo fondamentale come futuro coadiuvante nella terapia convenzionale dell’insufficienza cardiaca. Anche in ragione del fatto che, nel corso dei due anni di somministrazione, non sono stati riscontrati effetti collaterali dovuti alla sostanza.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.