cittadinanzattiva farmaci

cittadinanzattiva farmaciÈ stato presentato il 12 dicembre 2017 a Roma il XX Rapporto PIT Salute di Cittadinanzattiva – Tribunale per i diritti del malato, dal titolo “Sanità pubblica: prima scelta, ma a caro prezzo”. Il documento – realizzato con il sostegno non condizionato di IPASVI, FNOMCeO e FOFI – spiega che per i cittadini italiani è ancora «difficile accedere al servizio sanitario pubblico». «Poco meno di un terzo della popolazione – spiega lo studio – lamenta infatti difficoltà, ritardi, così come eccesso di burocrazia e costi». Le principali problematiche che vengono citate dal rapporto, in questo senso, sono quelle «delle liste d’attesa e dei ticket ed esenzioni, le prime con un dato stabile al 54,1% e le seconde con un aumento dal 30,5% che era stato registrato nel 2015 al 37,5% del 2016».
Il rapporto, inoltre, si concentra sul tema dell’accesso ai medicinali, spiegando che risultano in aumento le «segnalazioni su fascia A, farmaci indisponibili nelle farmacie e non commercializzati in Italia. Il dato generale mostra una flessione (dal 5,8% al 4,2%, sempre tra il 205 e il 2016, ndr), ma evidenzia alcuni fenomeni in aumento: crescono le segnalazioni del mancato accesso ai farmaci per l’epatite c (44,4%); il 24,2% segnala poi l’indisponibilità dei farmaci; il 18,3% la spesa privata che per molti diventa insostenibile, soprattutto per i farmaci di fascia C, per l’onere derivante dalla differenza di prezzo fra brand e generico, e per l’aumento del ticket. Le segnalazioni si riferiscono prevalentemente a farmaci di fascia A (48,5% nel 2016, con un aumento di 10 punti percentuali rispetto all’anno precedente)». «I cittadini non ce la fanno più ad aspettare e a metter mano al portafoglio per curarsi. Anche le vie dell’intramoenia e del privato sono diventate insostenibili. Serve più Servizio Sanitario Pubblico, più accessibile, efficiente e tempestivo», ha commentato Tonino Aceti, coordinatore nazionale Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.