Il Regolamento della Commissione Europea 2019/1901 del 7 novembre 2019, recante «tenori massimi di citrinina negli integratori alimentari a base di riso fermentato con lievito rosso Monascus purpureus», è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale 2a Serie speciale n. 4 del 16 gennaio 2020. A decorrere dal 1 aprile 2020, dunque, gli integratori alimentari a base di riso fermentato con lievito rosso Monascus purpureus potranno contenere fino a 100 migrogrammi per ogni chilogrammo di peso. L’articolo 2 dello stesso regolamento prevede che «gli integratori alimentari a base di riso fermentato con lievito rosso Monascus purpureus immessi legalmente sul mercato prima dell’entrata in vigore del presente regolamento possono rimanere sul mercato fino al termine minimo di conservazione o alla data di scadenza».

Il provvedimento si è reso necessario in seguito alle conclusioni di un gruppo di esperti i quali hanno concluso che «sulla base dei dati disponibili, non si poteva escludere che la citrinina, a livelli non preoccupanti per la nefrotossicità, comporti comunque un rischio sul piano della genotossicità e della cancerogenicità». Inoltre, non essendo disponibili dati aggiornati in merito alla tossicità della citrinina, «permangono incertezze per quanto riguarda la genotossicità e la cancerogenicità della citrinina. È quindi necessario, ai fini della tutela della salute pubblica, che i tenori di citrinina negli alimenti siano tanto bassi quanto ragionevolmente ottenibile».

© Riproduzione riservata