È stata inoculata la cinquantamillesima dose nelle farmacie di Napoli e provincia. A farlo sapere è la stessa Federfarma Napoli, la quale ha reso noto che, seppur si tratta di un evento simbolico, rappresenta un elemento importante a dimostrazione di come la farmacia sia centro di salute di prossimità. Al contempo la sigla ha confermato anche la disponibilità all’inoculazione del vaccino antinfulenzale in occasione della campagna vaccinale invernale. Riccardo Maria Iorio, presidente di Federfarma Napoli, ha ricordato che si tratta di «un obiettivo non solo simbolico ma estremamente significativo non tanto per l’elevato numero di dosi inoculate, quanto perché nelle farmacie siamo riusciti a somministrare tantissime prime dosi a cittadini indecisi». Il dirigente evidenzia come «i cittadini vedono nella farmacia oramai un punto di riferimento sanitario». Dunque, i ringraziamenti di Iorio ai farmacisti titolari ma anche al Governatore De Luca, ai direttori generali e ai dirigenti delle tre Asl napoletane «che hanno permesso che questo complesso meccanismo funzionasse».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Santagada (Ordine Napoli): «Farmacia come centro di salute di prossimità»

Al plauso di Iorio si aggiunge quello di Vincenzo Santagada, presidente dell’Ordine dei farmacisti di Napoli, recentemente nominato assessore alla Salute e al Verde del comune partenopeo. «I farmacisti napoletani hanno colto il cambiamento che ha posto la farmacia come centro di salute di prossimità. Con l’avvio delle vaccinazioni nelle farmacie di Napoli dopo un’accurata formazione in collaborazione con l’Azienda ospedaliera dei Colli, si è aperta una fase nuova nel contrasto alla pandemia, che ha incardinato sul territorio le attività di somministrazione con il pieno coinvolgimento delle farmacie di comunità dell’area metropolitana di Napoli. Con questo dato, cinquantamila vaccinazioni, i cittadini hanno dimostrato di avere una grandissima fiducia in noi e questo ci ha consentito di convincere anche i più scettici sulla sicurezza dei vaccini, farmaci che sono la nostra prima e al momento unica arma contro il Covid».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.