Bristol-Myers Squibb S.r.l. (Bms),Polifarma S.p.A. e Bruno Farmaceutici, aziende produttrici, in accordo con l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), hanno diramato una nota informativa importante sull’utilizzo dei medicinali a base di cefepime e il potenziale rischio di reazioni avverse neurologiche gravi, con particolare riferimenti ai pazienti con insufficienza renale che hanno ricevuto dosi differenti da quelle consigliate.

L’Aifa spiega che «dosi inappropiate di cefepime possono causare eventi avversi neurologici gravi in pazienti con insufficienza renale», tale neurotossicità «si è verificata in pazienti con insufficienza renale che hanno ricevuto dosi al di sopra di quelle consigliate, in particolare nei pazienti anziani. Tuttavia, sono stati segnalati casi verificatisi in pazienti con funzionalità renale normale e che ricevevano dosi superiori a quelle raccomandate». A tal proposito, l’Agenzia sottolinea che, «i sintomi di neurotossicità sono scomparsi dopo la sospensione del trattamento e/o dopo emodialisi; tuttavia alcuni casi hanno avuto esito fatale» e che nei «pazienti con disfunzione renale (clearance della creatinina ≤ 50 ml/min), è necessario un aggiustamento del dosaggio». Inoltre, «in caso di uso concomitante di farmaci potenzialmente nefrotossici come aminoglicosidi e potenti diuretici è necessario controllare attentamente la funzione renale». L’Aifa aggiunge che «in caso di disturbi neurologici o di peggioramento degli stessi, si può sospettare un sovradosaggio di cefepime; la diagnosi può essere confermata dalle concentrazioni plasmatiche di cefepime».

«Agli operatori sanitari – conclude la nota – è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il Sistema Nazionale di Segnalazione (Agenzia Italiana del Farmaco – Sito web: http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse). Inoltre, ogni errore di trattamento occorso deve essere segnalato nello stesso modo». Per consultare la nota completa, è possibile cliccare il link http://www.aifa.gov.it/sites/default/files/Cefepime_NII.pdf.

© Riproduzione riservata