Il 7 aprile 2021 l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha modificato l’elenco contenente i farmaci sottoposti al blocco temporaneo delle esportazioni. La relativa determina recante «Elenco dei medicinali che non possono essere sottratti alla distribuzione e alla vendita per il territorio nazionale al fine di prevenire o limitare stati di carenza o indisponibilità» è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale 86 del 10 aprile 2021. È utile evidenziare che la modifica è stata effettuata «preso atto – si legge nel documento – della conclusione dello stato di carenza per il medicinale Buccolam (Aic. 042021042) notificata dal titolare Aic. Laboratorios Lesvi S.L. con nota prot. Aifa 33325 del 18 marzo 2021 e considerata la criticità di tale medicinale e la possibilità che si verifichino esportazioni a seguito del lungo periodo di carenza».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Le nuove tabelle aggiornate

Inoltre «preso atto della conclusione dello stato di carenza per il medicinale Testoviron (Aic 002922060) notificata dal titolare Aic Bayer S.p.A con nota prot. Aifa 33128 del 18 marzo 2021 e considerata la criticità di tale medicinale e la possibilità che si verifichino esportazioni a seguito del lungo periodo di carenza», ciò «ritenuto, pertanto, necessario ed urgente, a tutela della saluta pubblica, aggiornare l’elenco allegato alla determina n. 1317 del 14 dicembre 2020, istitutiva della misura del blocco temporaneo delle esportazioni ai sensi dell’art. 1, comma 1, lettera s), del decreto legislativo n. 219/2006, inserendo tra i medicinali assoggettati alla suddetta i medicinali Sinemet (Aic 023145030, 023145028, 023145042, 023145016), Buccolam (Aic 042021042) e Testoviron (Aic 002922060)».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.