Il governo italiano ha annunciato la decisione di affidare una parte dell’approvvigionamento di cannabis a scopo terapeutico alla società canadese Aurora. Quest’ultima ha infatti vinto il bando per i tre lotti richiesti dallo Stato, per una fornitura totale di 400 chilogrammi che sarà effettuata nel corso dei due prossimi anni. L’Italia rappresenta il secondo mercato europeo per la cannabis terapeutica.

Ma, come riferito a più riprese da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, la produzione garantita dallo Stabilimento chimico-farmaceutico militare di Firenze è ancora largamente insufficiente rispetto al fabbisogno nazionale. Aurora ha battuto la concorrenza di altre quattro società: Canopy Growth, Medicinal Organics, Cannabis Australia e Tilray. Ciò grazie al prezzo più basso garantito alle istituzioni del nostro Paese: 1,73 euro al grammo, in media, secondo quanto riferito da Newsweed.

In pratica, il primo lotto di 320 chilogrammi sarà venduto a 569.600 euro, mentre per i secondi due, entrambi da 40 chilogrammi, saranno pagati rispettivamente 51.600 e 70.800 euro. Non si tratta della prima volta che Aurora fa affari in Italia. Già nel corso del 2018 aveva ottenuto una commessa per la vendita di un totale di 100 chilogrammi di cannabis terapeutica, ceduta a 3,20 euro al grammo. Sempre in Europa, ha fornito nell’aprile del 2019 20 chilogrammi al Lussemburgo, in quel caso a 2,50 euro al grammo. In Germania, poi, la filiale Aurora Deutschland rifornisce le farmacie del Paese.

Neil Belot, Chief Global Business Development Officer di Aurora, ha affermato a Newswire Canada di puntare a «costruire un business di successo in Italia, sul lungo periodo. È nostra intenzione continuare a contribuire ad avvicinare le farmacie e pazienti, che hanno già potuto apprezzare i nostri prodotti negli ultimi due anni. Sono estremamente orgoglioso del nostro team. Questo traguardo riflette la nostra capacità di muoverci nel complesso sistema delle diverse regole internazionali e lavorare con i governi di tutto il mondo, al fine di accreditarci come un partner affidabile».

© Riproduzione riservata