«Gli eventi in materia di utilizzo della cannabis terapeutica nelle pratiche di gestione del dolore rientrano nell’ambito delle tematiche di interesse nazionale e sono inserite nell’obiettivo formativo n. 21 “Trattamento del dolore acuto e cronico. Palliazione”». È quanto deliberato dalla Commissione nazionale per la formazione continua (Cnfc), il 18 dicembre 2019. «Tale tematica – si legge nella delibera – sarà attiva solo per il triennio 2020-2022».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Ne consegue che «viene riconosciuto un bonus di 0,3 crediti Ecm/ora agli eventi organizzati nell’ambito dell’obiettivo formativo 21 inerenti l’utilizzo della cannabis terapeutica». Dunque, il rimando all’Osservatorio nazionale: «Viene dato mandato all’Osservatorio nazionale per la qualità della formazione continua in sanità di prevedere, per il triennio 2020 – 2022, maggiori controlli su eventi organizzati nell’ambito della tematica di cui al punto n. 1. Tali controlli dovranno verificare in particolar modo che i docenti siano professionisti sanitari con una comprovata esperienza in materia e che le eventuali sponsorizzazioni siano riconducibili ad imprese commerciali operanti in ambito sanitario nel campo delle “cure palliative”».

Quanto all’utilizzo sul territorio, è utile evidenziare che è sempre più intensa la diffusione della pianta per scopi terapeutici. Lo scorso novembre è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto del ministero della Salute recante “Determinazione delle quantità di sostanze stupefacenti e psicotrope che possono essere fabbricate e messe in vendita in Italia e all’estero, nel corso dell’anno 2020”. Il ministero ha valutato il fabbisogno nazionale per l’anno 2020 e preso atto del fatto che «le ditte interessate sono state autorizzate a fabbricare e commercializzare sostanze stupefacenti e psicotrope». Per la Cannabis, è stata indicata, per quanto riguarda le sostanze da distribuire in Italia, in 500 chilogrammi, che saranno prodotti come di consueto dallo Stabilimento Chimico-Farmaceutico Militare di Firenze. Si tratta di un aumento considerevole rispetto a quanto previsto per l’anno 2019, quando la produzione era stata limitata a 350 kg.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.