Vedrà la partecipazione anche del farmacista galenista Marco Ternelli il nuovo studio avviato presso l’Istituto europeo di oncologia (Ieo), con l’obiettivo di fare chiarezza «sugli effetti clinici, farmacologici, produttivi e normativi dei farmaci a base di cannabis». A darne notizia è lo stesso Ieo, ospedale e casa di cura a carattere scientifico di Milano. «A sei anni dall’approvazione all’uso medico in Italia – si legge in una nota -, la cannabis è utilizzata solo da una minima percentuale di pazienti che ne potrebbero trarre beneficio, a causa soprattutto della mancanza di informazione e formazione specifica unitamente ad alcune barriere culturali ancora radicate».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Per concorrere il raggiungimento degli obiettivi è stato predisposto un team multidisciplinare composto da «medici, farmacisti, farmacologi e ricercatori italiani particolarmente impegnati nello studio e nell’utilizzo clinico di Cannabis ad uso medico». Tale gruppo sarà coordinato da Vittorio Guardamagna, specialista in anestesia e rianimazione, nonché direttore della Divisione cure palliative e terapia del dolore Ieo. «In Italia l’oppiofobia – spiega Guardamagna – ha storicamente ostacolato lo sviluppo della terapia del dolore e soltanto conoscenza, cultura e leggi innovative ne hanno permesso la diffusione e l’utilizzo con grandi benefici per i pazienti». In tal senso, «la cannabis sta vivendo un momento simile di difficoltà e diffidenza, nella ricerca, conoscenza e utilizzo clinico». Ciò anche alla luce del fatto che «non si fa un distinguo chiaro e netto fra uso ludico e uso terapeutico». Per questo «nuovi studi sugli effetti clinici dei farmaci a base di Cannabis sono fondamentali per mettere in evidenza il valore terapeutico di questa sostanza». Con l’auspicio, prosegue,  «che tutti pazienti che ne hanno bisogno, abbiano accesso a questi potenti antidolorifici, senza dover peregrinare alla ricerca dei pochi centri in Italia che ne fanno uso. Il diritto a non soffrire è un diritto universale».

Nella fase preliminare, il gruppo identificherà «uno strumento idoneo alla raccolta e all’analisi di dati di utilizzo clinico e prescrittivo di cannabis ad uso medico attualmente in corso», a cu verranno affiancati «percorsi di formazione e divulgazione ai fini di porre il tema Cannabis quale materia in ambito medico in continuo aggiornamento».Lo scorso giugno il farmacista Ternelli oltre ad aver sottolineato che «in materia di approvvigionamento e di dispensazione di prodotti a base di cannabis terapeutica i problemi sono ancora irrisolti», dibattendo sulla questione delle differenze da regione a regione in tema di indicazioni terapeutiche, la situazione è rimasta invariata: «In molti casi le amministrazioni – spiegava Ternelli – non si sono adeguate ancora all’indicazione di rendere uniforme la dispensazione sul territorio. In alcuni luoghi del nostro Paese, i preparati a base di cannabis terapeutica non sono neppure mutuabili…».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.