«Apprendere le caratteristiche etno-botaniche ed etno-farmacologiche della pianta denominata Cannabis sativa L., ai fini del suo utilizzo nei diversi ambiti farmaceutico e medicinale, agroindustriale e alimentare» e conoscere «la valutazione clinica del paziente e del rischio connesso a particolari quadri patologici in relazione ai possibili impieghi terapeutici della Cannabis medicinale (CM), sviluppando un approccio al caso clinico, di tipo interdisciplinare». Sono questi i principali obiettivi del nuovo percorso formativo messo a punto dal Dipartimento di Neuroscienze dell’Università degli studi di Padova, destinato alle principali figure professionali in ambito sanitario, tra cui i farmacisti. Il corso di perfezionamento consentirà di «apprendere gli aspetti etici della Cannabis terapeutica e il metodo per fornire al paziente adeguate informazioni, basate su conoscenze accettate dalla comunità scientifica, per ottenere il consenso informato alla terapia con CM», di «apprendere le normative internazionali, nazionali e regionali che regolano coltivazione, produzione, prescrizione e dispensazione della CM», ed infine di «analizzare la letteratura scientifica e applicare i risultati della ricerca all’impiego clinico della CM secondo i principi della EBM».

I farmacisti interessati alla partecipazione possono presentare la domanda di ammissione entro il 3 ottobre 2019. La sede del corso è il Dipartimento di Neuroscienze, Clinica Odontoiatrica, in Padova, alla via Via Giustiniani, 3. Le lezioni di didattica frontale sono riservate ad un minimo di 10 ed un massimo di 40 partecipanti. Per partecipare è necessario il versamento di un contributo di partecipazione di 2.040,50 euro. Sono previste diverse agevolazioni. In particolare, «potranno essere assegnati n. 1 premio di studio di euro 2000,00 lordi e n. 2 premi di studio di euro 1000,00 lordi». Per ulteriori informazioni è possibile contattare i numeri 0498212040 / 0498218098, l’email odontoiatria.neuroscienze@unipd.it, o collegarsi al link https://www.unipd.it/cannabis-medicinale.

© Riproduzione riservata