campagne promozionali farmaciaUna recente campagna pubblicitaria lanciata su scala nazionale ha riacceso i riflettori su una tematica già trattata in altre occasioni, generando le reazioni di numerosi farmacisti in merito a questo tipo di iniziative.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Il punto cardine della questione per alcuni sembrerebbe essere l’eccessiva mercificazione dell’attività professionale del farmacista e l’utilizzo improprio dell’immagine della farmacia, per altri invece questo tipo di attività costituirebbe un’opportunità per avvicinare i pazienti alla farmacia, che diversamente sceglierebbero altri canali di vendita.

Le campagne di raccolta punti veicolate nelle farmacie, costituiscono un’opportunità commerciale o gettano un’ombra sull’attività professionale del farmacista?

Quale è il tuo parere a riguardo delle campagne promozionali farmacia?

  • Sono completamente d’accordo. Queste iniziative sono vitali per sostenere l’attività economico-finanziaria della farmacia che vive un periodo di difficoltà a causa di vari fattori tra cui contrazione dei consumi e concorrenza extracanale.
  • Sono in parte d’accordo. Si dovrebbe dare un profilo più basso a questo tipo di iniziative, contingentandole solamente ad alcuni tipi di prodotti, escludendo ad es. farmaci con ricetta e ticket sanitari.
  • Sono in disaccordo. Si tratta di una mercificazione della professione su cui dovrebbero intervenire gli organi istituzionali e di rappresentanza, evitando che l’immagine del farmacista venga banalizzata ed ascritta a logiche puramente commerciali.

Clicca qui per partecipare al sondaggio

 

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.