assogenericiI farmaci equivalenti nel corso del 2017 hanno assorbito il 21,47% del mercato in termini di confezioni e il 12,35% in termini di valori, all’interno del canale farmacia. È quanto emerge dal Report annuale di Assogenerici, secondo il quale «quasi il 90% delle confezioni di farmaci equivalenti è di classe A, rimborsato dunque completamente dal Servizio sanitario nazionale».
Lo studio riporta quindi gli andamenti, evidenziando una «performance positiva dei prodotti equivalenti (classi A e C) con una crescita del 5,7% a unità e del 9,5% a valori, a fronte di un arretramento del mercato farmaceutico complessivo (-1% a unità e -1,6% a valori) e di una ancor più ampia frenata del mercato dei branded a brevetto scaduto (-2,8% a unità e -3,1% a valori)». Ne discende un mercato rappresentato «al 54,11% dai farmaci brand a brevetto scaduto», mentre la restante quota è costituita «per il 24,42% dai farmaci coperti da brevetto e per il 21,47% dagli equivalenti». I brand a brevetto scaduto dominano anche la segmentazione del mercato a valori (per tutte le classi) assorbendo il 49,13%, seguiti dai farmaci coperti da brevetto (38,52%) e a notevole distanza gli equivalenti (12,35%). Quanti ai consumi, Assogenerici conferma quella che viene definita la «tradizionale polarizzazione dei consumi», con un Nord nel quale si ricorre in modo robusto alle cure equivalenti (35,4% a unità e 24,8% a valori), «a fronte di una media nazionale decisamente inferiore (28,5% a unità e 20,1% a valori) e consumi ancora più bassi nel Centro (26% a unità; 18,6% a valori) e nel Sud (20,9% a unità e 14,8% a valori)». La “best performance” è stata raggiunta dalla Provincia autonoma di Trento, dove è off patent l’80,9% delle unità dispensate dal Ssn in classe A, e il generico assorbe il 41,8% del totale. Seguono Lombardia (78,5% e 37,8%), Emilia Romagna (81,2% e 35,3%) e la Provincia Autonoma di Bolzano (78,7% e 34,1%). All’estremo opposto, fanalino di coda, c’è la Basilicata.
Ammonta inoltre a 1 miliardo e 82 milioni di euro la quota versata dai cittadini per coprire la differenza di prezzo per acquistare un farmaco branded al posto di un equivalente. Le aree terapeutiche in cui i generici sono più diffusi sono quella degli Ace Inibitori e quella degli inibitori di pompa protonica. «Per quanto riguarda la classe C, a totale carico del cittadino, le principali aree terapeutiche a maggior diffusione di farmaci equivalenti si confermano quella dei tranquillanti (37,2% a unità) e dei prodotti per la disfunzione erettile (37,9%)». Infine, nel canale ospedaliero i prodotti equivalenti hanno assorbito il 25,4% del mercato a volumi e il 6% a valori.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.