Si conclude oggi, 27 gennaio 2022, Arab Health, la quattro giorni svoltasi a Dubai dedicata alle novità del settore healthcare. La fiera ha messo in esposizione i prodotti, le tecnologie e i servizi degli oltre 3.500 espositori riunitisi da tutto il mondo al Dubai World Trade Center, attirando quest’anno più di 56mila professionisti sanitari. Tanti e variegati i segmenti presenti, quali dispositivi medici, prodotti di consumo per la salute e il benessere, articoli ortopedici e per la diagnostica, tecnologie e servizi specifici per i settori sanitari. Tra i partecipanti di Arab Health si è registrata un’importante presenza italiana, con aziende che hanno espresso soddisfazione per un afflusso di visitatori che ha superato le attese, nonostante le complicazioni che ancora limitano i viaggi e le manifestazioni. Diverse aziende operano nel canale farmaceutico italiano, presenti con brand noti commercializzati nelle farmacie.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Farmac-Zabban tra i presenti all’Arab health

Giangiacomo Zabban, titolare di Farmac-Zabban, si dice soddisfatto dell’andamento della fiera e dei numerosi visitatori che si sono recati allo stand dell’azienda. «Ad Arab Health 2022 – racconta Zabban a FarmaciaVirtuale.it – stiamo vedendo una buona affluenza. Molti operatori stanno visitando il nostro stand, superando le nostre attese, date le difficoltà legate al Covid e agli spostamenti tra vari paesi. Siamo quindi molto soddisfatti». Per Farmac-Zabban il Medio Oriente è un mercato strategico, nel quale si riscontra una domanda sostenuta per varie tipologie di prodotti. «Questi mercati apprezzano diversi prodotti di consumo, specie in ambito nutraceutico e dell’integrazione alimentare. Tra i nostri articoli, sono molto richiesti Carboglik e Sterozen, indicati per il diabete e il colesterolo. Arab Health è una fiera molto interessante perché permette di venire a contatto con buyer, distributori e clienti di vari paesi del Golfo, ma anche provenienti da altri mercati. Come Farmac-Zabban siamo presenti in circa 60 paesi nel mondo e questa è quindi un’occasione per incontrare sia distributori con cui lavoriamo già sia per conoscerne di nuovi». In merito all’andamento sul mercato italiano, l’azienda sta registrando buoni risultati con i brand Med+s e Farmactive, entrambi riconosciuti e apprezzati.

Medio Oriente mercato strategico per Coswell

Anche Euritalia Pharma partecipa ad Arab Health, dove ha portato marchi e prodotti che già godono di notorietà in Medio Oriente. «Siamo a Dubai come Euritalia Pharma, divisione farmaceutica di Coswell – spiega a FarmaciaVirtuale.it Alberto Vezzali, export area manager dell’azienda -. Siamo presenti sui mercati mediorientali da molti anni e abbiamo un’attività diretta, con un ufficio commerciale, proprio a Dubai. Siamo presenti in tutta l’area soprattutto con Isomar, Blanx e Biorepair, i nostri tre marchi principali, che nel 2021 hanno registrato una buona crescita più o meno in tutti i paesi. Anche se le restrizioni hanno provocato sofferenza in quelle zone, come la stessa Dubai, che fanno del turismo internazionale uno dei driver economici, abbiamo assistito a un veloce recupero. L’interesse per i nostri prodotti è notevolmente in crescita, ma l’accesso reale al mercato dipende dalla registrazione degli articoli, che varia da paese a paese con procedure diverse nei vari mercati. Durante questi giorni di Arab Health abbiamo incontrato diversi clienti e potenziali distributori per paesi in cui non siamo ancora completamente coperti o non con tutti i marchi, quindi prevediamo un buon giro d’affari».

Il link al video integrale

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.