apoteca-naturaUn opuscolo e un questionario per sensibilizzare sull’impatto dei rischi ambientali sulla salute. Sono questi i frutti della collaborazione tra l’Associazione medici per l’ambiente – Isde (International society of doctors for the environment) e Apoteca Natura, una rete di circa 500 farmacie specializzate in prodotti naturali, che a partire da questo mese lanciano una campagna di prevenzione per informare sui principali fattori di rischio per la salute presenti nell’ambiente che ci circonda. L’opuscolo è stampato in 75 mila copie e distribuito nelle farmacie, dove è anche possibile compilare un questionario per valutare il proprio grado di attenzione e consapevolezza, disponibile inoltre online sul sito di Apoteca Natura (www.apotecanatura.it). I farmacisti, formati con un apposito videocorso realizzato dall’Isde, oltre a diffondere gli opuscoli faranno da tutor nella compilazione. «Crediamo che anche i medici potranno utilizzarlo – spiegano i promotori –, e presto, auspichiamo, anche le scuole». In base alle risposte date è infatti possibile tracciare la propria mappa personale dei rischi ambientali e ottenere consigli utili per la salute.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Il motore dell’iniziativa è la constatazione della diffusa mancanza di informazione, tra i cittadini e non solo. Di molte sostanze inquinanti non si conoscono ancora i limiti reali di tossicità e tollerabilità, e anche l’esposizione protratta a quantità minime può alterare progressivamente il funzionamento di cellule, tessuti e organi. L’Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto che circa un quarto delle malattie è causato da fattori ambientali, e su questo fronte i bambini sono molto più sensibili degli adulti: quelli con meno di 5 anni sopportano più del 40% dell’incidenza di queste patologie, pur rappresentando solo il 12% della popolazione. Nel 2006 un pediatra e un epidemiologo, Grandjean e Landrigan, lanciarono sulla rivista Lancet l’ipotesi che l’esposizione embrio-fetale a una serie di inquinanti industriali possa essere all’origine di malattie del neuro-sviluppo quali autismo, iperattività e dislessia, che stanno facendo registrare una preoccupante crescita; basti pensare che se 30 anni fa si stimava fosse affetto da autismo un bambino su 1200, oggi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna si è passati a uno su cento. E l’aspetto drammatico è che solo alcune centinaia di molecole pericolose per la nostra salute sono state studiate in modo approfondito, a fronte delle decine di migliaia di sostanze inquinanti esistenti.

Fra tutte le patologie croniche in grande aumento nel mondo, spiega l’opuscolo dell’Associazione medici per l’ambiente e di Apoteca Natura, l’Oms ha evidenziato in particolare l’obesità e il diabete, che anche in Italia stanno facendo segnare percentuali serie, in particolare nei bambini dai 6 ai 12 anni, tra i quali il tasso di obesità in 25 anni è raddoppiato, passando dal 7% tra il 1976 e il 1980 al 15% nel 2000. Recenti ricerche hanno infatti evidenziato come un’esposizione in tenera età a molte sostanze inquinanti sia in grado di indurre obesità e diabete. I principali inquinanti su cui si concentrano gli studi sono l’ozono troposferico, i metalli pesanti, gli idrocarburi poliaromatici e il particolato ultrafine. Sostanze inquinanti atmosferiche che possono avere effetti sulle vie respiratorie, indurre o contribuire all’insorgenza dell’asma, di patologie cardiovascolari, malattie neurodegenerative e tumori. Il particolato, più nello specifico, può contenere polvere, polline, muffe, spore, batteri, virus, sostanze nocive derivanti dal traf­fico veicolare, dalle attività industriali e dagli impianti di riscaldamento. Grazie alle dimensioni sub-microscopiche il particolato ultrafi­ne penetra negli alveoli, nelle arterie, nel cervello, nei nuclei delle cellule, aumentando le probabilità dell’insorgenza di malattie cronico-degenerative, in­fiammatorie e di tumori.

Un altro fattore di rischio che possiamo trovare nell’ambiente che ci circonda, come illustra il depliant, sono gli interferenti endocrini, che comprendono una vasta gamma di sostanze chimiche, tra i quali le diossine e alcuni pesticidi, che possono alterare l’equilibrio ormonale, interagendo con i normali segnali biochimici rilasciati dalle ghiandole deputate a regolare le funzioni immunitarie, endocrine, metaboliche, riproduttive e neuropsichiche. Le patologie derivanti da un’esposizione frequente a dosi anche minime di interferenti endocrini possono essere disturbi della tiroide e del neurosviluppo, abortività, infertilità, anomalie genitali, endometriosi, obesità e diabete 2, tumori, malattie immunomediate. Per citare invece una delle più frequenti esposizioni dannose autoindotte, si pensi anche all’esposizione ai campi elettromagnetici. Da decenni è noto l’aumento dell’incidenza di leucemie tra i residenti in prossimità di ripetitori, tanto che nel 2011 la Iarc, Agenzia europea di ricerca sul cancro, ha inserito anche i cellulari e i campi elettromagnetici a radiofrequenza (wireless) tra i cancerogeni di “Gruppo 2B”, che costituiscono cioè un possibile rischio di cancro per gli esseri umani.

Ecco allora i consigli dell’Associazione medici per l’ambiente e di Apoteca Natura, quali evitare di portare i bambini in strada nelle ore di punta del traf­fico e tenerli in braccio per allontanarli dagli scarichi delle auto; evitare camminate in aree trafficate quando si è incinta; lasciare all’aria gli abiti lavati a secco; limitare l’uso di insetticidi, erbicidi e fungicidi; risciacquare abbondantemente le superfici su cui sono stati usati detergenti chimici; limitare quanto più possibile l’uso di cellulari da parte dei bambini, usare il vivavoce o l’auricolare, tenere il telefonino lontano dal corpo, non chiamare quando il segnale è debole e attendere il collegamento prima di mettersi il cellulare all’orecchio, dato che le emissioni sono maggiori quando il segnale è scarso o in cerca di connessione. «Ove le prove scientifiche siano ancora controverse, ma indichino un rischio, è indispensabile far appello al “principio di precauzione”», sostengono i promotori dell’iniziativa. L’unica via per tutelare la salute è la prevenzione, che ha come ingredienti imprescindibili un’informazione corretta, la responsabilizzazione di ciascuno e un’attenzione quotidiana.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.