apodeskApodesk è un software innovativo per la gestione delle farmacie. Firmato dall’azienda italiana S’moove, offre una soluzione integrata per ottimizzare la gestione in magazzino dei farmaci e degli altri articoli, per automatizzare gli acquisti, per gestire i programmi di fidelizzazione e la contabilità. Il tutto attraverso un’interfaccia intuitiva che ricorda la struttura a riquadri tipica di Windows 8.
Unico problema iniziale: l’implementazione in locale. I venditori di EPR più grandi utilizzano infatti reti di distributori locali per raggiungere tutte le farmacie: questi ultimi garantiscono vendita, installazione e assistenza. In un case history pubblicato sul sito della Microsoft, il fondatore Cristian Surano racconta infatti che all’inizio «anche se avevamo un prodotto migliore, sapevamo che sarebbe stato difficile entrare nel mercato con gli stessi modelli di distribuzione ad alto costo utilizzati dai nostri concorrenti. Ed essendo una piccola azienda, non riuscivamo a trovare il modo di entrare in contatto diretto con i clienti». Per questo la S’moove ha chiesto supporto al colosso informatico americano: «Quando abbiamo visto le funzionalità disponibili su Microsoft Azure, ci siamo resi conto che con un’offerta basata sul cloud avremmo potuto rivoluzionare il mercato». Risultato: nel giro di un anno Apodesk è stato lanciato con la formula Saas (software as a service). In questo modo il farmacista non deve più gestire server o database di grandi dimensioni, né preoccuparsi dei backup o della sicurezza dei dati: è sufficiente installare una semplice app basata su Windows e le farmacie si liberano delle onerose consulenze necessarie per installare il servizio o per gli aggiornamenti.
«Manteniamo un database centralizzato di prodotti farmaceutici presenti nei più diffusi sistemi di gestione delle prescrizioni e distribuiamo automaticamente gli aggiornamenti per facilitare l’accesso offline», spiega Surano. L’assistenza è poi digitale, supportata anche da chat e video pubblicati su YouTube. E il prezzo è, spiega S’moove, «più basso del 50% rispetto alla concorrenza». Per il futuro, inoltre, sono previste integrazioni nel servizio di nuove funzionalità, come ad esempio una app che permetterà ai clienti di interagire con la farmacia tramite i proprio telefoni cellulari per alcune attività, come il rinnovo delle prescrizioni o la pianificazione dei ritiri.

Visualizza Case History

© Riproduzione riservata