antitetanica farmacieUn gruppo di senatori – tra i quali figurano il presidente e il vice-presidente della Fofi, Andrea Mandelli e Luigi d’Ambrosio Lettieri – ha depositato un’interrogazione parlamentare in materia di vaccini e immunoglobuline contro il tetano. Nel documento, i parlamentari ricordano che la malattia non è contagiosa e che contro di essa non esiste alcuna immunità naturale: «La protezione può essere fornita dall’immunizzazione attiva con la somministrazione di un anticorpo antitetano (TIG: immunoglobuline tetano-specifiche ricavate dal plasma di soggetti donatori di sangue vaccinati per il tetano e opportunamente selezionati) o con il vaccino contenente tossoide tetanico da somministrare in 3 dosi (la seconda a distanza di 4-8 settimane dalla prima e la terza dopo 6-12 mesi»«. «Il vaccino è presente sul mercato dagli anni Quaranta – hanno aggiunto i senatori – e dal 1968 la vaccinazione è diventata obbligatoria». Quindi il documento si è concentrato sul problema attuale: «Secondo quanto diffuso da diverse fonti giornalistiche, in Italia, attualmente, vi è una carenza di medicinali contro il tetano nelle farmacie e negli ospedali. Il farmaco compare, infatti, nell’elenco di quelli per i quali ci sono problemi di approvvigionamento e l’Agenzia italiana del farmaco ha rilasciato, alle strutture sanitarie, l’autorizzazione all’importazione per farmaco analogo autorizzato all’estero. La carenza di sangue e conseguentemente di plasma ha causato una riduzione della produzione di vaccino e di immunoglobuline e le importazioni in alcuni casi presentano problemi di certificazioni». Di recente, anche un servizio della trasmissione Striscia la notizia ha confermato il problema, concentrandosi sulla regione Campania ma riferendo di difficoltà a livello nazionale. L’interrogazione aggiunge che «la mancanza di scorte nelle farmacie e negli ospedali ha determinato, in molte regioni italiane, una situazione di emergenza ed un grave pericolo per la salute dei cittadini dal momento che, in caso di ferite, non vi sarebbero rimedi contro il rischio di contrarre il tetano con notevoli ripercussioni in termini di sicurezza nazionale». Per questo, i firmatari hanno chiesto «di sapere quali iniziative di competenza il ministro della Salute intenda assumere, al fine di fronteggiare in modo efficace le rilevanti criticità esistenti in merito all’approvvigionamento dei medicinali e garantirne una copertura ottimale su tutto il territorio nazionale».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.