Sarà attiva fino al 1 marzo 2019 la survey preparata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) sul tema delle conoscenze e attitudine in merito all’uso degli antibiotici e all’antibiotico-resistenza. Ne dà notizia l’Istituto superiore di sanità, che fornisce dettagli utili alla compilazione. «La survey – spiega l’Iss – indirizzata a medici, infermieri, farmacisti e dirigenti di ospedali nonché ricercatori clinici, fisioterapisti, infermieri ausiliari, odontotecnici, tecnici farmaceutici, équipe sanitarie pubbliche e studenti delle facoltà sanitarie è disponibile anche in italiano, sarà attiva sino al 1 marzo e si completa in 5/10 minuti». Ciò con il fine «di avere una visione europea utile per lo sviluppo di strategie per indirizzare il problema dell’antibiotico resistenza». In particolare, «ottenere una migliore comprensione delle loro conoscenze e percezioni per fornire una base per sostenere i bisogni futuri in termini di cambiamenti politici e di istruzione», oltre che «per colmare le lacune in termini di valutazione delle campagne di comunicazione rivolte agli operatori sanitari».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Dopo una visita nel nostro Paese nel dicembre 2017, i delegati Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie di Stoccolma (ECDC) avevano fornito una serie di raccomandazioni all’Italia. In particolare, «rafforzare il sistema attuale, introdurre misure appropriate per ridurre l’uso di antimicrobici in ospedale e comunità ed implementare gli interventi per il controllo delle infezioni», oltre che migliorare le procedure di supervisione e audit per verificare i progressi delle regioni, soprattutto quelle con quadri più critici.

Sul tema dell’antibiotico-resistenza si era espresso Andrea Mandelli, presidente della Federazione ordini farmacisti italiani: «Gli antibiotici sono una delle conquiste fondamentali della ricerca medica che rischiamo di compromettere». A tal fine è necessario, aveva evidenziato, «promuovere l’uso razionale a tutti i livelli, tanto nella tutela della salute umana tanto di quella animale, così come raccomandato dagli organismi internazionali», «favorire e remunerare adeguatamente la ricerca di nuove molecole ma anche di nuovi approcci alla lotta contro le infezioni», ed infine «migliorare l’informazione del pubblico e aumentare la consapevolezza che in moltissimi dei disturbi più comuni il ricorso a questi farmaci è inutile e dannoso».

Per maggiori informazioni l’Ecdc ha predisposto una pagina apposita, disponibile cliccando su questo link. Mentre, per partecipare al sondaggio è possibile cliccare su questo link (attivo fino al 1 marzo 2019).

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.