Per la prima volta l’European centre for disease prevention and control (Ecdc) e l’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms hanno realizzato un report congiunto sull’andamento dell’antibiotico-resistenza (Antimicrobial resistance – Amr). Il documento è stato pubblicato il 26 gennaio 2022 e riporta i dati rilevati nel 2020 nell’Unione europea e nello Spazio economico europeo (See). «I risultati presentati nel rapporto – si legge nelle note introduttive – mostrano chiaramente che la resistenza agli antibiotici nella regione europea dell’Oms è diffusa. Sebbene la valutazione dell’esatta entità dell’Amr rimanga difficile in molti contesti, è evidente la presenza di esempi peculiari in tutti gli ambienti clinici coperti dalle reti di sorveglianza». Il report sottolinea la serietà della situazione per la salute pubblica e l’importanza di programmare interventi coordinati su tutto il territorio europeo per arginare il problema.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

I dati emersi dalla sorveglianza

L’Ecdc e l’Oms giudicano la situazione preoccupante, soprattutto alla luce della crescita progressiva dell’antibiotico-resistenza per vari ceppi batterici. «L’antibiotico-resistenza rimane un fattore estremamente preoccupante per la salute pubblica, con una stima per l’area dell’UE e del See di più di 670mila contagi all’anno dovuti a batteri resistenti agli antibiotici e conseguente decesso di circa 33mila persone. Questo rapporto è il primo di una serie che sarà pubblicata congiuntamente dall’Ecdc e dall’Ufficio regionale dell’Oms per l’Europa». Il report specifica alcune differenze tra le diverse aree del territorio esaminato. Si osserva per esempio una maggiore incidenza dell’antibiotico-resistenza nelle regioni meridionali e orientali d’Europa. Tuttavia, a livello generale, le percentuali di casi di antibiotico-resistenza per quanto riguarda le combinazioni di specie batteriche-gruppi antimicrobici sotto sorveglianza continuano a essere elevate. Nel periodo tra il 2016 e il 2020 è stato registrato un aumento significativo della resistenza ai carbapenemi nelle infezioni da Escherichia coli e Klebsiella pneumoniae (K. pneumoniae) e alla vancomicina da parte dell’Enterococcus faecium. Il report segnala, inoltre, alte percentuali di resistenza alle cefalosporine di terza generazione e ai carbapenemi nella K. pneumoniae e ai carbapenemi nelle infezioni da Acinetobacter e da Pseudomonas aeruginosa.

Gli interventi per rallentare l’antibiotico-resistenza

«Le azioni della sanità pubblica per contrastare l’antibiotico-resistenza rimangono insufficienti, nonostante la maggiore consapevolezza di come il fenomeno rappresenti una minaccia per la salute pubblica e la disponibilità di linee guida basate sull’evidenza», evidenzia il report. «L’Amr rappresenterà una preoccupazione crescente a meno che i governi non rispondano in modo più deciso a questa minaccia. Per affrontarla sono urgenti ulteriori interventi da parte della sanità, che avrebbero un impatto notevolmente positivo sulla salute della popolazione e sul futuro della spesa sanitaria nell’Ue/See. È stato stimato che un pacchetto di interventi su più fronti, che includa programmi di gestione degli antibiotici, maggiore igiene, campagne sui mass media e l’uso di test di diagnostica rapida avrebbero il potenziale per prevenire approssimativamente 27mila decessi ogni anno nell’area europea. Oltre a salvare vite umane, un tale pacchetto di salute pubblica potrebbe portare al risparmio di circa 1,4 miliardi di euro all’anno».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.