Medico, faramacologo clinico e segretario del comitato per i farmaci di base dell’Oms, Nicola Magrini è stato insignito della carica di direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco. Il via libera è arrivato dalla Conferenza Stato-Regioni, su proposta di Roberto Speranza, ministro della Salute. Con oltre venti anni di esperienza, Magrini ha cominciato il proprio percorso come ricercatore all’Università degli studi di Bologna e all’Istituto Mario Negri. Fondatore della sezione italiana di Chochrane, succede a Luca Li Bassi.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il dirigente ha ricevuto l’augurio della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani, la quale «si felicita con il dottor Nicola Magrini – si legge in una nota – per la sua nomina a Direttore Generale dell’AIFA». Sono le parole di Andrea Mandelli, presidente della Fofi. «La sua lunga esperienza in ambito nazionale e internazionale – prosegue Mandelli – sarà preziosa per proseguire e sviluppare l’attività dell’Agenzia, che è chiamata ad affrontare la spinta sempre più forte dell’innovazione farmacologica e la sfida costante della sostenibilità delle cure. I farmacisti italiani gli offrono fin d’ora la massima collaborazione e gli fanno i migliori auguri di buon lavoro».

«Federfarma invia al neodirettore generale dell’Aifa Nicola Magrini i migliori auguri di buon lavoro, nella certezza che con la sua grande esperienza potrà contribuire efficacemente ad affrontare i gravosi impegni in capo alla Agenzia, anche in relazione all’attuazione del Patto della salute e in particolare alla governance dei farmaci». È quanto dichiara Marco Cossolo, presidente di Federfarma. «Le farmacie – conclude Cossolo – sono disponibili a collaborare per continuare a garantire una distribuzione efficiente sul territorio e per implementare il monitoraggio dell’aderenza alle terapie, una procedura che agevola un più razionale uso delle risorse destinate al farmaco, con ricadute positive sulla salute dei cittadini».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.