Dopo un lungo periodo di test, l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha rilasciato nella sua versione definitiva il proprio sito Internet, raggiungibile al link www.aifa.gov.it. Il portale, disponibile già da tempo in versione beta, è stato dunque reso pubblico mercoledì 17 luglio 2019. «Un sito – spiega l’Aifa – che si propone di essere principalmente orientato al cittadino, con una navigazione più snella e una mappa dei contenuti più razionale, e l’obiettivo di rispondere in modo puntuale e trasparente ai bisogni informativi degli utenti». Nello specifico, «un progetto che garantisce una migliore fruibilità sui dispositivi mobili e che continuerà ad arricchirsi di nuove funzionalità». I contenuti del vecchio portare resteranno comunque online per un periodo di tempo indefinito. Secondo quanto evidenzia l’Aifa, infatti, «fino al completamento della migrazione dei contenuti, alcuni di questi saranno ancora disponibili e aggiornati sul vecchio sito, raggiungibile all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it, con una navigazione comunque guidata dal nuovo portale».

Osservando la struttura, il nuovo portale Aifa, nella sua versione desktop, è suddiviso in sezioni orizzontali. Procedendo dall’alto verso il basso, nella parte superiore viene mostrato uno “slider” nel quale sono visualizzate le notizie messe in risalto dall’Agenzia. Dunque, una sezione con un link diretto alla consultazione della Banca dati dei farmaci. A essa segue un riepilogo delle nove attività cardine dell’Agenzia. Nello specifico, le sezioni L’agenzia, Accesso al farmaco, Sicurezza dei farmaci, Qualità dei farmaci, Ricerca e sperimentazione clinica, Prezzi e Rimborso, Consumi e spesa farmaceutica, Innovazione e programmazione, Informazione e comunicazione, per le quali è stato predisposto un collegamento diretto. Poi vi è la sezione “Domande e Risposte”, i Servizi online di Aifa, una sezione relativa ai Dati Aifa, ed infine diversi box verticali denominati Sala stampa, Ultimi tweet, Multimedia, Agenda, Concorsi, Bandi di Gara. In ultimo, l’area “Trasparenza”, da cui accedere agli Open Data, Amministrazione trasparente ed Accessibilità. La navigabilità è garantita anche per dispositivi mobili e tablet, per i quali il nuovo portale riproduce perfettamente le dinamiche previste per la versione desktop.

© Riproduzione riservata