agifar snow break 2015Si è svolto a fine febbraio 2015 a Bardonecchia lo Snow Break organizzato da Agifar rivolto agli associati con il patrocinio di Fenagifar.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

L’invito sulle nevi piemontesi è stato accolto da oltre 70 farmacisti under-40 provenienti da Lombardia, Piemonte, Liguria, Lazio e anche dalle regioni del Sud Italia che hanno avuto l’occasione di confrontarsi sui temi caldi del recente scenario che ha visto protagonista la farmacia territoriale.

La non fuoriuscita dei medicinali di fascia C è stata accolta con aspettato plauso dai farmacisti che sono preoccupati del potenziale ingresso di capitali che potrebbero portare all’acquisizione dei presidi territoriali da parte dei colossi della farmaceutica.

È pur vero, dice Luca Galliano, Presidente Agifar Cuneo, “che bisognerà vedere quale sarà la direzione che prenderà questo Disegno di Legge all’interno dell’iter parlamentare”. Perché è noto che “l’interesse economico rivolto al mondo pharma è grande da parte di varie realtà internazionali. Ed è probabile che nel futuro, se si lascerà anche uno spiraglio all’ingresso di questi capitali, non perderanno l’occasione di sbarcare in Italia”. “Sarà difficile”, continua Galliano, “ipotizzare l’ingresso di un unico soggetto che acquisti tutte le farmacie. Anche perché in Italia la maggior parte degli esercizi commerciali è in capo a singoli farmacisti imprenditori che oggi ancora tengono a mantenere la propria autonomia. Una previsione, quella dell’ingresso dei capitali, che è stata “forse tenuta in sordina ad hoc dal mondo politico, che ha fatto convergere il battage sulla fascia C”.

Ma l’occasione è stata anche propizia per confrontarsi sul futuro della farmacia intesa come end point del Servizio Sanitario Nazionale. “Ampio consenso dei partecipanti all’evento è stato riservato alla necessità che la farmacia soffra sempre più servizi di alto valore ai clienti-pazienti e si allontani dalla mera dispensazione di farmaci”, spiega Galliano.
L’evento ha però alternato momenti di riflessione a momenti di competizione sportiva amatoriale e della beneficenza. I partecipanti infatti hanno anche svolto una gara goliardica di sci in favore e a sostegno dell’associazione Matteo Farinelli rispettando due semplici regole: camice e caduceo obbligatori.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.