Supportare i pazienti cronici nei percorsi di aderenza terapeutica, mediante il coinvolgimento della medicina territoriale e le istituzioni locali, tra cui le farmacie di Cinisello Balsamo, il Comune e l’università. Sono le finalità del progetto “Aderenza terapeutica in città”, reso possibile da CompuGroup Medical, software house tedesca proprietaria in Italia del software Wingesfar, e Azienda multiservizi farmacie (Amf). A darne notizia è lo stesso colosso di Koblenza, in Germania, il quale ha reso noto che il progetto «vede il coinvolgimento delle nove farmacie territoriali coadiuvate dai medici di medicina generale, del dipartimento di Scienze biomediche e cliniche “Luigi Sacco” presso l’Università degli Studi di Milano in qualità di partner scientifico, del Comune di Cinisello Balsamo, come partner attuatore, e di Cgm, in qualità di partner tecnologico, nella realizzazione dell’innovativo Sistema di dosaggio personalizzato (Sdp)».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il Sistema di dosaggio personalizzato (Sdp)

Secondo quanto evidenziato da Cgm il «Sdp è un sistema di riconfezionamento in blister con cui il farmacista, tramite una moderna e avanzata interfaccia digitale sviluppata da CompuGroup Medical, organizza, in kit ordinati, le pastiglie e/o pillole che il paziente deve assumere, allo scopo di indicargli esattamente il giorno e l’ora del regime terapeutico prescritto, fornendogli al contempo tutte le informazioni necessarie per attenersi a tale terapia». Dando uno sguardo alla piattaforma sviluppata da CGM, questa supporta il farmacista durante la fase di preparazione dei blister consegnati poi al paziente.

Il “Kit settimanale personalizzato

Si tratta del “Kit settimanale personalizzato”, «costituito – si legge in una nota – da una serie di caselle contenenti i farmaci già suddivisi per giorno e ora di assunzione. Il paziente, seguendo le indicazioni riportate sul Kit, apre la casella corrispondente e assume i farmaci in essa contenuti. Attraverso invece un pill dispenser digitale ogni volta che il paziente deve assumere la terapia il dispositivo emette un suono e la casella corrispondente si illumina. Il dispositivo traccia l’effettiva assunzione del farmaco ed è in grado di inviare un messaggio al caregiver – come parenti, figli, badanti – in caso di mancata assunzione o assunzione non corretta».

I risultati delle sperimentazioni

«Partendo dai risultati ottenuti in precedenti sperimentazioni – ha evidenziato Sebastiano Di Guardo, direttore generale dell’Azienda Multiservizi Farmacie -, abbiamo deciso di promuovere un piano di ricerca e innovazione territoriale integrando gli strumenti tecnologici disponibili con i servizi erogati dalle nostre farmacie che rappresentano un presidio e un punto di riferimento fondamentale per la città e il territorio». Quanto alla parte tecnologica, «il wizard integrato nella piattaforma – evidenzia Marco Agosto, Senior Business Development Manager PCS Italy di CompuGroup Medical – ha il duplice scopo di supportare il farmacista nella fase di preparazione dei blister e tracciare le operazioni al fine di garantire il corretto svolgimento del procedimento preparatorio».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.