Pharmaceutical careQual è l’impatto della pharmaceutical care collaborativa sulla sicurezza dei pazienti che sono sottoposti a delle cure? A rispondere alla domanda sarà uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori del dipartimento di Farmacia dell’università di Nimes e del laboratorio di Biostatistica dell’università di Montpellier, in Francia.
L’analisi, intitolata “Impact of collaborative pharmaceutical care on in-patients’ medication safety: study protocol for a stepped wedge cluster randomized trial”, parte dall’assunto secondo il quale «la pharmaceutical care clinica ha giocato a lungo un ruolo importante nel miglioramento della sicurezza delle cure mediche. Si tratta di un approccio collaborativo che implica che tutti gli attori del circuito sanitario siano coinvolti, al fine di prevenire e correggere eventuali problemi dovuti all’assunzione di un farmaco. La pharmaceutical care messa in atto nel caso di pazienti ricoverati in ospedale presuppone da un lato la “medication reconciliation”, dall’altro la “medication review”. Finora, l’impatto dell’associazione di queste due attività non è stato analizzato in modo chiaro». Di qui lo studio annunciato sulla rivista BioMed Central, nel quale si fa sapere che si procederà ad analizzare i casi di sei ospedali universitari francesi. Verranno presi in considerazione dei pazienti che abbiano non meno di 65 anni di età ai quali verranno somministrati dei servizi di pharmaceutical care integrata e che hanno concesso il loro consenso ad essere ricontattati a distanza di 30 e poi di 90 giorni. I test saranno effettuati per periodi di 14 giorni. In altri casi, invece, verrà fatto passare del tempo senza prevedere tale tipo di approccio alle cure, di modo da ottenere un gruppo di controllo. In tutto, parteciperanno al test 630 pazienti e saranno esclusi quelli la cui degenza durerà più di 21 giorni. «Questo studio – hanno spiegato i ricercatori – permetterà di valutare l’impatto della pharmaceutical care collaborativa, associando medication reconciliation e medication review con l’obiettivo di prevenire gli errori e i costi connessi».

© Riproduzione riservata