medici-in-usa«Di fronte ad una crescente mancanza di medici, i farmacisti sono stati spinti ad incrementare i servizi che forniscono, lavorando sulla cure primarie che vanno delle vaccinazioni in farmacia ai testi di laboratorio e arrivando alla predisposizione di prescrizioni per prodotti contraccettivi. Sebbene ciò consenta ai medici di concentrarsi sui casi più seri e cronici e rappresenti un sollievo soprattutto nelle aree rurali, non tutti i dottori hanno accolto la novità in modo positivo». A riferirlo è un articolo apparso sul portale Pharmacist.com, dell’American Pharmacists Association, nel quale si fa in particolare riferimento alla situazione degli Stati Uniti. «Alcuni medici – prosegue il commento – vedono in questo trend un’intrusione da parte dei farmacisti nella loro area di responsabilità. Eppure, sono in atto cambiamenti profondi nei sistemi sanitari. Quest’ultimi stanno via via sfruttando più a fondo le competenze dei farmacisti nelle cure: essi vengono in particolare incoraggiati ad assumere un ruolo più importante per quanto riguarda le cure di lungo periodo, con l’obiettivo di migliorare l’efficacia dei trattamenti per i pazienti e di evitare una parte dei ricoveri ospedalieri, che sono particolarmente cari». L’articolo cita in particolare il Center for Medicaid and CHIP Services che lo scorso anno ha pubblicato delle linee guida nelle quali si invitano gli Stati federali ad introdurre norme che permettano ai farmacisti di dispensare alcuni medicinali «sulla base di prescrizioni fornite sotto la loro responsabilità e in modo indipendente». Il tutto immaginando degli «accordi di collaborazione con i medici» e «protocolli specifici» adottati dalle singole amministrazioni. In questo senso, «un cambiamento cruciale per i farmacisti territoriali potrebbe arrivare da una normativa federale che riconosca ai professionisti un ruolo nuovo nelle cure sanitarie. Più di 50 senatori americani e oltre 250 deputati hanno affermato di voler sostenere una legge simile presso le rispettive camere». Un cambiamento importante potrebbe dunque essere in vista negli Usa?

© Riproduzione riservata