pgeuIl Pharmaceutical Group of the European Union (PGEU) ha pubblicato sul proprio sito Internet un annuncio con il quale fa sapere di essere alla ricerca di un “Professional Affairs Advisor”. «La figura ricercata – spiega il PGEU – dovrà lavorare a contatto con il segretario generale e fornire ai membri del gruppo informazioni e consulenze su questioni legate alla professione». Tra i principali compiti che saranno assegnati all’advisor ci sono quelli di monitorare le questioni di particolare importanza per il mondo della farmacia, quali l’introduzione di normative e politiche in materia farmaceutica, di sicurezza dei pazienti, di salute pubblica, di eHealth, così come di formazione professionale. Dovrà inoltre preparare rapporti annuali, programmi di lavoro, report di attività e note interne, rappresentare in alcuni casi l’associazione in pubblico (anche con interventi orali), predisporre comunicati e position papers, e curare i rapporti con i membri del PGEU e gli stakeholders. Infine, dovrà occuparsi di raccogliere presso le associazioni nazionali le statistiche rilevanti a livello nazionale sulla professione e analizzarle.
Il profilo deve rispondere ad una persona laureata in farmacia, che conosca a fondo il mondo della farmacia territoriale, che sappia lavorare in autonomia, abbia eccellenti doti di comunicazione e un ottimo livello di inglese scritto e orale. Dovrà inoltre essere pronto a frequenti spostamenti all’interno dell’Ue. A chi verrà selezionato, sarà offerto «un contratto di lavoro di diritto belga, un salario adeguato che include benefits e una posizione in un contesto dinamico e internazionale». L’associazione internazionale ha ricordato infine di poter contare ad oggi su 32 delegazioni nazionali e di rappresentare più di 400.000 farmacisti e 170.000 farmacie in tutto il Vecchio Continente. Chi fosse interessato deve presentare il proprio curriculum vitae, una lettera di motivazione e un documento separato nel quale risponda in massimo 700 parole alla domanda: «Quali sono le principali sfide e opportunità per i farmacisti territoriali in Europa?». Il tutto dovrà essere inviato all’indirizzo pharmacy@pgeu.eu entro il 5 giugno 2018.

© Riproduzione riservata