aifaL’Agenzia Italiana del Farmaco ha pubblicato il Monitoraggio della Spesa Farmaceutica Nazionale e Regionale per il periodo Gennaio-Febbraio 2018. Si tratta di un documento ancora provvisorio, secondo il quale «la spesa farmaceutica convenzionata netta a carico del SSN, calcolata al netto degli sconti, della compartecipazione totale (ticket regionali e compartecipazione al prezzo di riferimento) e del pay-back 1,83% versato alle Regioni dalle aziende farmaceutiche, si è attestata a 1.336,9 milioni di euro, evidenziando un decremento, rispetto all’anno precedente, pari a 62 milioni (-4,4%)». Al contrario, «i consumi, espressi in numero di ricette (99 milioni di ricette), mostrano un lieve incremento pari allo 0,4% rispetto al 2017, mentre l’incidenza del ticket aumenta del 6,8% (+18 milioni di euro). Parallelamente si osserva un incremento del 1,6% (+58,2 milioni di dosi giornaliere) delle dosi giornaliere dispensate».
I cali relativi alla spesa farmaceutica convenzionata netta hanno riguardato tutte le regioni e province autonome italiane, senza alcune esclusione, anche se va detto che le differenze sono marcate: si passa infatti dal -0,3% registrato dalla Valle d’Aosta al -13,15% delle Marche. Positiva, di conseguenza, la verifica del rispetto del tetto di spesa programmato (7,96%) nel periodo gennaio-febbraio 2018 sulla base del Fondo sanitario nazionale (FSN) per lo scorso anno: a fronte di una spesa convenzionata pari a 1.421,21 milioni di euro, si è registrato un avanzo di 62,75 milioni rispetto al tetto di 1.483,96 milioni. La percentuale raggiunta è stata infatti del 7,62%. L’Aifa ha tuttavia precisato che «si tratta di un monitoraggio provvisorio poiché il valore del FSN utilizzato è quello del 2017, non essendo stato ancora comunicato all’Agenzia dal ministero della Salute, il valore del FSN per l’anno 2018 che in fase di definizione con le Regioni e quindi i relativi tetti della farmaceutica».
Per quanto riguarda infine la spesa farmaceutica complessiva (convenzionata e acquisti diretti), sempre nel periodo gennaio-febbraio 2018, essa «si è attestata a 3.280,9 milioni di euro, evidenziando uno scostamento assoluto rispetto alle risorse complessive del 14,85% – anch’esse calcolare sul FSN del 2017 (2.768,4 milioni) – pari a +512,5 milioni, corrispondente ad un’incidenza percentuale sul FSN 2017 del 17,6%».

© Riproduzione riservata