Agenzia delle entrate fatturaeL’Agenzia delle entrate, in collaborazione con il partner tecnologico Sogei, ha fatto sapere di aver arricchito il pacchetto di servizi pensati per agevolare il passaggio dal cartaceo al digitale. In un articolo apparso su Fisco Oggi, la rivista online della stessa agenzia, è stato spiegato in particolare che dalla fine di giugno 2018 è disponibile l’app “FATTURAe” che consente di predisporre e inviare le e-fatture acquisendo, in automatico, tramite QR-code, le informazioni anagrafiche del cliente con partita Iva». È partita poi anche «la funzionalità per l’acquisizione del QR-code del cliente anche sulla procedura web di predisposizione e invio delle fatture elettroniche al Sistema di Interscambio (SdI)». Da lunedì 2 luglio, infine, «chi non usa Internet, può compilare ugualmente le fatture elettroniche, scaricando sul proprio pc il pacchetto di applicazioni informatiche rese disponibili dall’Agenzia delle entrate».
L’Agenzia ha quindi specificato più nel dettaglio che «attraverso la app “FATTURAe” i titolari di partita Iva in possesso delle credenziali Entratel, Fisconline o Spid possono predisporre e inviare le fatture elettroniche al Sistema di Interscambio. Attraverso una procedura guidata l’app accompagna passo passo il contribuente (o il suo delegato) nella predisposizione della fattura ordinaria o semplificata tra privati, oppure verso la Pa». Inoltre, «le fatture elettroniche possono essere predisposte e inviate anche attraverso la piattaforma web “Fatture e Corrispettivi”, attraverso cui è possibile inviare, ricevere (tramite SdI) e conservare le fatture elettroniche con le nuove regole tecniche, oltreché acquisire il QR-Code del cliente. L’Agenzia, inoltre, per venire incontro alle esigenze di coloro che non hanno una stabile o continua connessione a Internet, ha predisposto un pacchetto software da installare sul proprio computer per predisporre le e-fatture in modalità offline. Infine, accedendo (personalmente o tramite un intermediario delegato) al servizio disponibile sul portale “Fatture e Corrispettivi” si può registrare l’indirizzo telematico prescelto su cui ricevere le fatture elettroniche (Pec o “codice destinatario”)».
Sul canale YouTube dell’Agenzia delle entrate sono disponibili inoltre dei video-tutorial che spiegano i vantaggi dell’uso del QR-code.

© Riproduzione riservata